Category: 2.00/2.49


Locandina italiana Sfera

Un film di Barry Levinson. Con Dustin Hoffman, Sharon Stone, Samuel L. Jackson, Peter Coyote, Queen Latifah. Titolo originale Sphere. Fantascienza, durata 133 min. – USA 1998.MYMONETRO Sfera * * - - - valutazione media: 2,24 su 21 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Lo psicologo Norman Johnson è chiamato, apparentemente, a prestare soccorso ai superstiti di un disastro aereo verificatosi nell’Oceano Pacifico, ma, trasportato in elicottero sul posto, apprende dal capitano Barnes che non si tratta di un comune incidente. Durante i lavori per la posa di un cavo di fibre ottiche ad una profondità di 300 metri, è stata, infatti, rinvenuta un’astronave che, per l’avanzatissima tecnologia, si ritiene di origine extraterrestre e che, in base allo strato di corallo formatosi nel frattempo, dovrebbe essere precipitata nel lontano 1709.

Tra i miei film: La favola del Principe Schiaccianoci – Dalla mia finestraUn film di Paul Schibli. Titolo originale The Nutcracker Prince. Animazione, Ratings: Kids, durata 75 min. – USA 1990. MYMONETRO La favola del principe Schiaccianoci * * - - - valutazione media:2,00 su 1 recensione.
 

Tratto dalla favola dei fratelli Grimm musicata da Ciaikovskij. La piccola Clara vive nel suo mondo pieno di giocattolie bambole. Durante la notte di Natale scopre un soldatino di piombo che serve come schiaccianoci. Lo zio le narra la storia della principessa bella e antipatica, della cattiva Toporegina e di Hans, apprendista orologiaio che deve rompere l’incantesimo, schiacciando coi denti la noce più robusta del mondo.

 

Un film di Michael Apted. Con Lee Marvin, William Hurt, Ian Bannen, Joanna Pacula Thriller, durata 128 min. – USA 1983. MYMONETRO Gorky Park * * - - - valutazione media: 2,44 su 7 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Dal best-seller di Martin Cruz Smith, ecco una spy-story geniale e complessa come un vero rompicapo. In una gelida mattina d’inverno, nel parco Gorky di Mosca, vengono ritrovati tre cadaveri: due uomini e una donna, sfigurati e con i polpastrelli abrasi per impedirne l’identificazione. Le indagini vengono affidate a un giovane e solerte ispettore, suo malgrado seguito anche dagli agenti del Kgb. Colpi di scena e tensione ben dosata: un piccolo capolavoro nel suo genere.

Locandina Duello nel Texas

Un film di Ricardo Blasco. Con Richard Harrison, G.R. Stuart Western, durata 92 min. – Italia 1964. MYMONETRO Duello nel Texas * * - - - valutazione media: 2,00 su 8 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Gringo è stato adottato da una famiglia di messicani. Quando una banda di ladri deruba il padre adottivo di tutto l’oro che era riuscito a mettere insieme in anni di fatiche, parte per vendicare il sopruso. Scopre che i capi della banda sono proprio le persone più in vista del paese. Da solo riesce a batterli, liberando così la propria famiglia e la comunità.

Un film di Aldo Fabrizi. Con Aldo Fabrizi, Adolfo Celi, Ave Ninchi Drammatico, Ratings: Kids+13, b/n durata 95 min. – Italia 1949. MYMONETRO Emigrantes * * - - - valutazione media: 2,00 su 4recensioni di critica, pubblico e dizionari.

 
È il primo film scritto, diretto ed interpretato da Aldo Fabrizi. Il lungometraggio narra la storia di una famiglia che si trasferisce in Argentina, si prodiga per migliorare la vita degli emigranti e mette le radici della stirpe futura.

Nitrato d'argento, di Marco Ferreri (Ita/Fra/Ung 1996) – Re-Movies

Regia di Marco Ferreri. Un film con Iaia ForteSabrina La LoggiaMarc BermanEric Berger. Genere Fantastico – Italia1996durata 85 minuti. Valutazione: 2,00 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Lezione di storia del cinema raccontata dalla parte dello spettatore, della sala: una lezione sul cinema che non c’è più. Sciamannata più che accademica, ravvivata da paradossi e freddure, ma anche astratta, torbida, funebre. L’autore voleva intitolarlo La casa dei poveri , perché ci andavano soprattutto loro: per divertirsi, evadere, sognare, ma anche per vivere, stare insieme, parlare, pomiciare o imparare l’inglese come gli immigrati europei negli Stati Uniti. È un viaggio in un mondo perduto dove si parlano molte lingue, persino l’ungherese, perché Ferreri lo girò gran parte in Ungheria dove le comparse costano meno e si trovano ancora le faraoniche sale del tempo che fu. Stracolmo di citazioni eterogenee dove sono stati impiegati 240 attori (nel senso che dicono almeno una battuta, ma al cinema I. Forte partorisce, scompisciandosi dalle risate per Charlot) e 12 000 comparse. Molti riferimenti alla storia e ai suoi orrori: guerre, dittature, nazionalismi, censure, lotta di classe, scioperi. È il 27° e ultimo film del milanese Ferreri (1928-97). Con una “fascinosa mescolanza di aristocratico e volgare” (T. Masoni) ha evocato un fantasma. Il titolo non è esatto: nelle vecchie pellicole in bianconero c’erano o nitrato di cellulosa o bromuro d’argento.

Regia di Marco Risi. Un film con Marco LeonardiJulieta DíazJuan LeyradoPietro TariconeEliana González (II)Cast completo Genere Biografico, – ArgentinaItalia2006durata 113 minuti. Uscita cinema venerdì 30 marzo 2007 distribuito da 01 Distribution. – MYmonetro 2,41 su 12 recensioni tra criticapubblico e dizionari.

Biografia di Diego Armando Maradona (1960), calciatore argentino, uno dei più grandi n. 10 del mondo, forse il più famoso. Infanzia, a 16 anni già in 1ª squadra al Boca Juniors, al Barcellona (1982), al Napoli (1984), con cui vinse 2 scudetti (1987 e 1990) e 1 coppa UEFA (1989); porta alla vittoria la nazionale argentina nei Mondiali 1986, lo squalificano in quelli del 1994 per uso di sostanze illecite. Nel 2004 è a Buenos Aires in sovrappeso, in depressione, in lotta con l’uso e l’abuso di cocaina. Scritto da Manuel Valdiva, César Vidal e Manuel Rìos, il 12° film di M. Risi ha una 1ª parte migliore della 2ª dove eccede in ridondanza. Il Leitmotiv della caduta nel pozzo nero è una metafora così artificiosa che stucca tra passato e presente. All’attivo anche Leonardi, e non soltanto per la somiglianza fisica. Veri gol di Maradona a josa. Prodotto da Elide Melli. Distribuisce 01.

Locandina Urban Cowboy

Un film di James Bridges. Con Scott Glenn, Barry Corbin, Debra Winger, Madeline Smith, John Travolta.Commedia, durata 135 min. – USA 1980. MYMONETRO Urban Cowboy * * - - -valutazione media: 2,00 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Un cowboy si inurba, si sposa, litiga con la moglie e alla fine si riconcilia con lei dopo molte avventure.

FILM IN TV: "La carne" di Marco Ferreri - SentieriSelvaggi

Regia di Marco Ferreri. Un film con Philippe LéotardFrancesca DelleraSergio CastellittoNicoletta BorisSonia TopazioCast completo Genere Commedia – Italia1991durata 92 minuti. – MYmonetro 2,50 su 1 recensioni tra criticapubblico e dizionari.

Architetto ipocondriaco si rinchiude in un bungalow a copulare con Francesca che gli procura un’erezione permanente. Quando lei sta per andarsene, la uccide e la mangia a fettine. Pur con estri e sprazzi, è un film di riporto con le polveri bagnate, una provocazione un po’ futile e meccanica. F. Dellera non recita, esiste, corpo d’amore spinto all’eccesso, all’artificio.

Locandina Notte prima degli esami - Oggi

Un film di Fausto Brizzi. Con Giorgio Panariello, Nicolas Vaporidis, Carolina Crescentini, Andrea De Rosa, Sarah Maestri.

Commedia, durata 102 min. – Italia 2006. – 01 Distribution uscitamercoledì 14 febbraio 2007. MYMONETRO Notte prima degli esami – Oggi * * - - - valutazione media: 2,46 su 348 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Per Luca Molinari c’è una nuova notte da far passare prima dell’esame di maturità. È l’estate del 2006: le Vibrazioni hanno preso il posto di Raf, l’i-pod quello del walkman, la nazionale di Lippi quella di Vicini. Luca è innamorato di Azzurra, una fanciulla estroversa ed emancipata che sogna di diventare biologa marina lontano da Roma. Nella Capitale, dove Luca vive coi genitori e i suoi inseparabili amici Alice, Massi, Simona e Riccardo, fervono i preparativi per la finale dei mondiali di calcio. In quel clima di attesa sportiva, Luca strappa una notte d’amore ad Azzurra, Alice si fa amare una notte sola da Luca, Massi si fa piantare da Simona, Riccardo si fa prendere a pugni da Massi per Simona. Gli adulti intorno a loro fanno falli da espulsione ma poi Fabio Grosso segna il rigore e tutti diventiamo, almeno un po’, campioni del mondo.
Era il 1923 quando il filosofo Giovanni Gentile introdusse l’esame di maturità, croce e delizia degli studenti italiani. Era invece il 1984 quando Venditti scrisse “Notte prima degli esami”, fissando per sempre tensioni e pensieri intorno alla “maturità”. L’opera prima di Fausto Brizzi passava dunque per questa canzone e per le canzoni, quelle dei quieti anni ’80, messe in scena insieme a un liceo romano, a un gruppo di amici e a un ragazzo con poca voglia di studiare e tanta di innamorarsi. L’investimento produttivo fu contenuto, il successo commerciale, quasi 12 milioni di euro, straordinario. Brizzi aveva saputo inventare e gestire un mondo narrativo solido accompagnato da un immaginario musicale e simbolico condiviso dagli over 30 ma “riconoscibile” dai nuovi maturandi. Squadra vincente non si cambia ma si replica, inventando la formula “oggi” e trasferendo, proprio come si farebbe coi personaggi dei fumetti, i protagonisti avanti nel tempo. Cambia l’anno di maturità e cambia pure il risultato, perché la magia della versione “1989” sembra esaurita. Eppure i personaggi sono gli stessi, portatori ancora una volta di situazioni familiari e spunti narrativi che generano conflittualità, poi appianate. Stesso lo scioglimento, l’esame superato e l’oggetto del desiderio fuggito, svanito come il sogno di Zidane di essere campione del mondo e di savoir fare. A mancare è il professor Martinelli di Giorgio Faletti, capace di sviluppare un carattere e di metterlo in relazione dialettica coi suoi studenti: lui è l’istituzione della maturità, il dinosauro da abbattere per maturare, l’adulto che educa e non da educare, come il Paolo di Panariello. Manca l’obiettivo di gruppo, la solidarietà “carpe diem” dell’epilogo non è affine alla storia raccontata fino a quel momento. Manca l’ensamble, il gruppo di studio e quello ludico, e prevale il percorso individuale, nella piscina festosa dei Wild Boys rimane soltanto Luca e il suo sentimento per Azzurra. La retorica fornita dalla musica è sostituita da quella calcistica, più facile, ruffiana e ammiccante. Fischio di ammonizione e una stella in meno.

Il futuro è donna - Film (1984)

Regia di Marco Ferreri. Un film con Hanna SchygullaOrnella MutiNiels ArestrupIsabella BiaginiMaurizio DonadoniCast completo Genere Drammatico – ItaliaFranciaGermania1984durata 105 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14 Valutazione: 2,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Una coppia senza figli incontra una giovane donna, Malvina, incinta di sei mesi. Strani legami legano il terzetto. Morto l’uomo accidentalmente, Malvina mette al mondo un bambino che consegna all’amica. Come il solito nel cinema di Ferreri il contenitore scenografico della storia (una futuristica megalopoli dove coabitano Palermo, Milano, Ferrara, discoteche emiliane, supermercati lombardi) è suggestivo, ma dentro si muovono fantasmi impacciati dalle catene dell’ideologia. Fin quando mostra, funziona; quando comincia a dire, ristagna e affonda. Il solo modo di divertirsi è leggerlo in chiave di fumetto ironico-grottesco.

Fuga nella notte - Film (1982)

Un film di Delbert Mann. Con John Hurt, Beau Bridges, Jane Alexander, Ian Bannen Titolo originale Night Crossing. Drammatico, durata 106 min. – USA 1981. MYMONETRO Fuga nella notte * * - - -valutazione media: 2,00 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

La storia vera delle famiglie Wetzel e Strelzyck che nel 1979 riuscirono a varcare il confine fra le due Germanie in aerostato. Disney dice la sua sul muro di Berlino. Una pattuglia di ottimi attori gli “asciuga” (in parte) una storia anche troppo sciropposa (benché autentica).

Un film di William A. Seiter. Con Shirley Temple, Robert Young, Alice Faye, Eugene Pallette, Helen Westley.Titolo originale Stowaway. Commedia, b/n durata 86 min. – USA 1936. MYMONETROCin-Cin * * - - - valutazione media: 2,25 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Un milionario sposa una quasi sconosciuta per poter adottare, come stabiliscono le leggi vigenti in Cina, un’orfanella raccolta in quel paese. La bimba farà in modo che il matrimonio fasullo diventi un matrimonio d’amore.

Enrico IV [2] - Film (1984) - MYmovies.it

Regia di Marco Bellocchio. Un film con Claudia CardinaleLeopoldo TriesteMarcello MastroianniPaolo BonacelliLuciano BartoliCast completo Genere Drammatico – Italia1984durata 85 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 – MYmonetro 2,34 su 2 recensioni tra criticapubblico e dizionari.

Una caduta da cavallo durante una mascherata storica fa sprofondare nella pazzia per vent’anni un giovane signore. Passano gli anni, il malato rinsavisce ma continua la mascherata. Come se non credesse nel testo di Pirandello, Bellocchio lo smonta, lo sdrammatizza, se ne appropria, lo aggiorna, rendendolo meno pirandelliano. L’operazione non manca d’intelligenza, ma è poco convincente nonostante la bravura di Mastroianni.

Regia di Marco Bellocchio. Un film con Federico PitzalisAnita LaurenziMaruschka DetmersAnna OrsoCatherine DiamantCast completo Genere Drammatico – Italia1986durata 110 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 18 – MYmonetro 2,17 su 5 recensioni tra criticapubblico e dizionari.

Fidanzata con un terrorista pentito che forse è responsabile dell’uccisione di suo padre, commissario di polizia, Giulia Dozza, nevrotica depressa, vive l’amore come una sfida, una sofferenza o una rassegnazione, anche quello col liceale Andrea, figlio del suo psicanalista. 1° film sull’Italia del post-terrorismo, è disarmonico e claudicante, diviso tra l’inseguimento personale di sogni e ossessioni e la spinta a fare i conti con la realtà sociale. Ricco di momenti inquietanti (la sequenza d’apertura) e cadute di tono, fu un mezzo fiasco di pubblico e critica. È ricordabile per la presenza fisica dell’olandese M. Detmers (1962), doppiata da Anna Cesarini che, però, le lascia gemiti erotici, sospiri, risa e pianti, e per la fellatio , eliminata nell’edizione TV e oscurata in quella in videocassetta. Scritto dal regista con Enrico Pelandri ed E. De Concini. Musiche di Carlo Crivelli, funzionali come le luci e la fotografia di Beppe Lanci, premiata con un Ciak d’oro.

PAROLE E UTOPIA - Spietati - Recensioni e Novità sui Film

Regia di Manoel de Oliveira. Un film con Leonor SilveiraLima DuarteLuís Miguel CintraRicardo TrepaRenato De Carmine. Titolo originale: PALAVRA E UTOPIA. Genere Drammatico – PortogalloFranciaBrasileSpagna2000durata 133 minuti. Valutazione: 2,00 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Nel 1663 il gesuita António Vieira (1608-97), celebre predicatore, è convocato a Coimbra dal tribunale dell’Inquisizione dove rievoca il soggiorno giovanile in Brasile e l’adesione alla causa degli indigeni. Impedito di predicare, si rifugia a Roma, si fa stimare dal Papa e dalla regina Cristina di Svezia, ma sente la nostalgia della patria dove il nuovo re João IV lo accoglie freddamente. Va a morire in Brasile. M. de Oliveira ha sempre fatto un cinema di Parola e di Utopia. Su Vieira (impersonato, in ordine cronologico discendente, da L. Duarte, L.M. Cintra e R. Trepa), definito da F. Pessoa “imperatore della lingua portoghese” e “maestro della forma e della visione”, ha fatto un film che, più che storico e biografico, è un autoritratto per transfert, un confronto tra il retore più famoso del Seicento e il cineasta più letterario del Novecento. Fotografia di Renato Berta, musiche di Carlo Paredes e Massimo Scapin.

Calabuig (1956) - Film - Movieplayer.it

Regia di Luis Garcia Berlanga. Un film con Franco FabriziValentina CorteseEdmund GwennJuan CalvoFélix FernándezCast completo Titolo originale: Calabuch. Genere Commedia – SpagnaItalia1956durata 95 minuti. Valutazione: 2,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Oppresso e depresso dalle responsabilità, scienziato nucleare americano trova rifugio a Calabuch, paesino catalano di pescatori, dove, con la pace, trova 928 amici e il piacere della vita. Apologo dolcemente pacifista, insaporito dai dialoghi di Ennio Flaiano, 2 o 3 momenti geniali (la corrida), e il veleno nella coda quando un’intera flotta arriva a prendere in consegna lo scienziato e riportarlo ai suoi laboratori. Premio dell’OCIC (cattolico) alla Mostra di Venezia.

L'Isola Che Scotta: Amazon.it: Maria Felix, Jean Se, Maria Felix, Jean Se:  Film e TV

Regia di Luis Buñuel. Un film con María FélixGérard PhilipeJean ServaisRaúl Dantés. Titolo originale: La fièvre monte à El Pao. Genere Drammatico – Francia1959durata 97 minuti. Valutazione: 2,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Da un romanzo di Henri Castillou. Lotte, intrighi, tradimenti e rivolte nell’isola di Ojeda, sede di un penitenziario, in un’immaginaria dittatura militare dell’America Latina. Buñuel lo considerava il peggiore dei suoi film francesi. Melodramma turgido e artificioso, con una mediocre direzione degli attori, in parte riscattato dalla cruda e onesta descrizione del quadro sociale e dalla figura di un intellettuale idealista e ambizioso stritolato dal meccanismo del potere che s’illude di riformare dall’interno. Ultimo film di Philipe, già malato di cancro durante le riprese. Titolo messicano: Los ambiciosos.

Cast completo del film Faustina | MYmovies

Regia di Luigi Magni. Un film con Renzo MontagnaniEnzo CerusicoOttavia PiccoloClara BindiValentino MacchiCast completo Genere Commedia – Italia1968durata 106 minuti. Valutazione: 2,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Una ragazza di colore, ricordo vivente del passaggio degli Alleati in Italia, sposa un rude tombarolo che la maltratta. Entra nella loro vita un giovane, timido e gentile posteggiatore che ha perso la chitarra. Film d’esordio di Magni: si intravvede la sua preferenza per storie senza tempo, preferibilmente ambientate in una Roma che ricorda stampe dell’epoca. Favoletta delicata e garbata.

Cast completo del film Il provinciale | MYmovies

Regia di Luciano Salce. Un film con Franco FabriziMaria Grazia BuccellaGianni MorandiSergio LeonardiAndrea ScottiCast completo Genere Commedia – Italia1971durata 107 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 2,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Giunto a Roma per fare il giornalista, incontra una prostituta e decide di redimerla. Frammentaria nella costruzione e impostata su personaggi e situazioni poco credibili, è una commedia affidata a sporadiche trovate ora satiriche ora buffonesche.