Category: Vancini Florestano


LE STAGIONI DEL NOSTRO AMORE Clip Italiana | iVID.it - il portale dei  trailer

Regia di Florestano Vancini. Un film Da vedere 1966 con Enrico Maria SalernoAnouk AiméeGastone MoschinJacqueline SassardValeria ValeriCast completo Genere Drammatico – Italia1966durata 93 minuti. Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Giornalista di sinistra attraversa un periodo di crisi esistenziale. Pianta la moglie e torna ai luoghi della sua gioventù. Scritto con Elio Bartolini, il film spinge fino al grottesco la critica ai cedimenti morali e politici della sinistra, in una chiave viziata da autoindulgenti concessioni ai tormenti interiori. “Sarebbe ingiusto negare qualche fascino agli scorci di Mantova né si può trascurare la toccante verosimiglianza degli incontri tenuti nella chiave più allusiva. Ma i pellegrinaggi sentimentali sono difficili nella vita e nell’arte” (T. Kezich). Girato a Mantova e Sabbioneta. Fotografia di Dario Di Palma. Premio Fipresci a Berlino.

La lunga notte del '43 Streaming - Guarda Subito in HD - CHILI

Un film di Florestano Vancini. Con Gabriele FerzettiEnrico Maria SalernoGino CerviAndrea ChecchiBelinda Lee. continua» DrammaticoRatings: Kids+16, b/n durata 100 min. – Italia 1960MYMONETRO La lunga notte del ’43 ***1/2- valutazione media: 3,80 su 11 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Dopo l’8 settembre del ’43 il partito fascista di Ferrara stringe le fila, ma è lacerato tra due diverse tendenze: quella del moderato federale Bolognesi e quella del fanatico Aretusi, che fa assassinare il primo e, attribuendo il delitto agli antifascisti, scatena una violenta rappresaglia, facendo fucilare undici ostaggi. Ma il tempo cancella molte cose: il figlio di una delle vittime, Franco, fuggito in Svizzera, torna a Ferrara dopo 18 anni e incontrando Aretusi gli stringe cordialmente la mano.

La banda Casaroli (1962) - IMDb

Un film di Florestano Vancini. Con Gabriele TintiJean-Claude BrialyMariella ZanettiRenato SalvatoriTomas Milian. continua» Drammaticob/n durata 103 min. – Italia 1962.

Paolo Casaroli, “cervello” di numerose rapine effettuale nel 1950, uccide il poliziotto presentatosi a casa sua in base a precise informazioni. Spaventato, il bandito e il suo luogotenente iniziano una fuga

Locandina E ridendo l'uccise

Un film di Florestano Vancini. Con Manlio DovìSabrina ColleRuben SigilloMarianna De MicheliVincenzo BocciarelliCommediadurata 100 min. – Italia 2005uscita venerdì 15 aprile 2005. MYMONETRO E ridendo l’uccise ***1/2- valutazione media: 3,84 su 10 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Ferrara, inizi del 1500, Corte Estense, una delle più illustri del Rinascimento. Pochi mesi dopo la morte del duca Ercole I, si scatenano le gelosie e i rancori sopiti tra i quattro figli: Alfonso erede del ducato e sposo di Lucrezia Borgia, Ippolito, Giulio nato al di fuori del matrimonio, e Ferrante. La vita di corte procede tra festini, lussi e cortigiane. Durante una festa Ippolito si vede rifiutato dalla bella Angiola a favore di Giulio. Ippolito ordina di sfigurare il fratello che insieme a Ferrante covano vendetta e decidono di congiurare contro Ippolito ed Alfonso. Benemerito tentativo di uscire dai binari convenzionali del cinema italiano.

Locandina Bronte - Cronaca di un massacro che i libri di storia non hanno raccontato

Un film di Florestano Vancini. Con Ivo GarraniMariano RigilloIlija DzuvalekovskiRudolf KukiéModrag Loncar. continua» StoricoRatings: Kids+16, durata 109 min. – Italia 1972MYMONETRO Bronte – Cronaca di un massacro che i libri di storia non hanno raccontato **1/2-- valutazione media: 2,88 su 7 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Il film ricostruisce le fasi di un drammatico episodio avvenuto a Bronte, cittadina presso Catania, poco dopo l’impresa dei Mille. Centocinquanta persone furono arbitrariamente arrestate, processate in modo sommario e fucilate per ordine di Nino Bixio. La pellicola vuole dimostrare come la Sicilia sia rimasta sempre la stessa, coi suoi uomini privilegiati, i suoi nobili arroganti e lazzaroni, il suo popolo sempre sfruttato.