Category: Capuano Antonio


Risultati immagini per Vito e gli altri locandina

Un film di Antonio Capuano. Con Nando TriolaGino ApicellaGiorgio AlbertiRoberta Leighton DrammaticoRatings: Kids+16, durata 80 min. – Italia 1991.

Un buon esordio italiano. Il problema dei minori che vivono lontani dalla legge e finiscono nelle reti della camorra è analizzato in maniera molto realistica. Vito è il nome di uno di questi ragazzi. Attraverso le loro storie, tra scippi e sogni ingenui (legati al mondo del cinema d’azione e alla televisione), si trova una conferma sul disagio giovanile dell’ultimo decennio.

Locandina La guerra di Mario

Un film di Antonio Capuano. Con Marco GriecoValeria GolinoAndrea RenziAnita CaprioliRosaria De Cicco. continua» Drammaticodurata 100 min. – Italia 2005uscita venerdì 3 marzo 2006.

Mario è un bambino di nove anni che il Tribunale dei Minori ha sottratto alla famiglia perché considerato un bambino difficile. Giulia e Sandro sono una coppia di quarantenni che convivono da due anni, senza figli, che decidono di chiedere in affidamento un bambino. Viene dato loro Mario. Da quel momento la coppia va in crisi. Giulia è favorevole a una crescita del bambino priva di vincoli “educativi” mentre Sandro non riesce ad accettare questo stato di cose. Mario verrà alla fine sottratto alla coppia dal Tribunale ed affidato ad un’altra famiglia.

Continua a leggere
Locandina Luna rossa

Un film di Antonio Capuano. Con Carlo CecchiLicia MagliettaToni ServilloAntonino IuorioDomenico Balsamo. continua» Drammaticodurata 116 min. – Italia 2001.

Un pentito racconta al giudice che lo sta interrogando la storia della famiglia Cammarano. Profondamente radicata nei sentimenti camorristi fin dai primi anni Settanta espande il proprio potere. Determinazione, violenza e coesione di gruppo ne costituiscono la forza. L’ordine interno viene garantito grazie a una gerarchia rigida. I più giovani però a un certo punto non credono più a questa struttura e il gesto di Oreste insinua una crepa che porterà tutti alla distruzione. I riferimenti al teatro greco classico sono espliciti e gli attori sono bravi per virtù propria. Ma il gioco non riesce così come non era riuscito nel precedente Polvere di Napoli.