Category: Bonello Bertrand


Risultato immagini per tiresia 2003 locandina

Tiresia è un film del 2003 scritto e diretto da Bertrand Bonello, ispirato all’omonima figura mitologica.

Tiresia è un bellissimo transessuale brasiliano che vive con il fratello in un quartiere dell’immensa periferia di Parigi. Di lui si innamora Terranova, che lo assimila ad una rosa perfetta. Ossessionato da questa idea, Terranova rapisce Tiresia ma questi giorno dopo giorno, senza la sua razione di ormoni, sfiorisce sempre più. Deluso da quanto vede, Terranvoa acceca Tiresia e lo abbandona in un campo credendolo morto. In uno stato a metà fra uomo e donna, privato della vista, Tiresia viene raccolto e curato da Anna. Mano a mano che guarisce, il transessuale scopre di avere il dono della premonizione. Una qualità, questa, che lo porta inevitabilmente a scontrarsi con la chiesa locale.


Regia di Bertrand Bonello. Un film Da vedere 2016 con Vincent RottiersFinnegan OldfieldLaure ValentinelliJamil McCraven. Genere Thriller – Francia2016durata 130 minuti. Valutazione: 4,00 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

David, Yacine, Samir, Sabrina, Mika, Sarah, Omar si muovono come stregati lungo le strade di Parigi, attraverso i suoi quartieri, dentro la metropolitana. Muti, determinati, sguardi fissi, espressioni vaghe, gesti (ir)razionali, segnali di intesa, risposte criptiche ai cellulari, tutto li suggerisce agiti da un progetto comune. Figli di papà, figlie delle banlieue, studenti, disoccupati, precari, neri, arabi e bianchi, sono un reparto d’assalto improvvisato che deflagra Parigi. Alla stessa ora, in siti diversi: un grattacielo de La Défense, un ministero, alcune vetture parcheggiate davanti alla Borsa di Parigi, la statua di Giovanna d’Arco, il cuore di un banchiere. Le bombe esplodono, le pistole sparano, la pece brucia, Parigi collassa e loro ripiegano in un grande magazzino. Mentre fuori è il panico e la città si perde in congetture, dentro i terroristi attendono, esaltati dalla distruzione. Ma è questione di tempo, il tempo che ci vuole per convertire l’esaltazione in terrore (di morire).

4/5