Category: Film dal 1970 al 1979


Quell'oscuro oggetto del desiderio Streaming - Guarda Subito in HD - CHILI

Regia di Luis Buñuel. Un film Da vedere 1977 con Julien BertheauFernando ReyCarole BouquetAngela MolinaMilena VukoticAndré LacombeCast completo Titolo originale: Cet obscur objet du désir. Genere Drammatico – Francia1977durata 100 minuti. – MYmonetro 3,98 su 3 recensioni tra criticapubblico e dizionari.

Tratto dal romanzo La donna e il burattino (1898) di Pierre Louÿs, già filmato 4 volte (1920 e 1935 a Hollywood, 1929 e 1959 in Francia) e sceneggiato con Jean-Paul Carrière, è la storia di un ricco borghese che giuoca inutilmente tutte le carte del privilegio nella partita con una donna che continua a negargli l’unica cosa per la quale egli spasima. È l’ultima trappola del grande vecchio di Calanda (1900-83) con un personaggio femminile solo, ma con 2 attrici che si alternano senza una logica evidente. Di un romanzo ammuffito Buñuel e Carrière hanno fatto una lettura ironicamente critica, ribaltandolo (per la 1ª volta il vero protagonista è il “burattino”) e mandando in briciole tutto quel che contiene di melodramma, metafisica passionale, esotismo di paccottiglia. Sebbene fondato sulla virtù della trasparenza – da leggere al 1° grado – può apparire enigmatico perché seminato di trabocchetti, false piste, scherzi, inganni che offrono pane per i denti dello spettatore con la smania dell’interpretazione. Si provi a leggerlo in chiave psicoanalitica, come un sogno, e diventa una fonte zampillante di sorprese, simboli, trasgressioni, significati. A prescindere, come direbbe Totò, questo film sul desiderio (le sue perversioni, le sue frustrazioni) rimane un’opera divertente, libera, felice.

Porca società (Film, Drama): Reviews, Ratings, Cast and Crew - Rate Your  Music

Regia di Luigi Russo. Un film con Luciano BartoliSaverio MarconiMirella D’AngeloFlavia FabianiChristiana Borghi. Genere Drammatico – Italia1978durata 90 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 18 Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Paolo, giovane e tranquillo operaio, cambia la sua vita il giorno in cui arriva, per caso, ad una riunione politica. L’amicizia con Michela, femminista e militante politica ad oltranza, e quella con il marito di lei, giovane serio e retto, provocano nell’animo di Paolo nuovi dubbi e nuove domande. Non ha tempo di trovare la risposta: durante una manifestazione di piazza, poi, rimane ucciso, sempre per caso, da una pallottola vagante.

Scipione detto anche l'Africano (1971) - Streaming | FilmTV.it

Regia di Luigi Magni. Un film con Vittorio GassmanMarcello MastroianniSilvana ManganoTuri FerroWoody StrodeCast completo Genere Commedia – Italia1971durata 108 minuti. – MYmonetro 3,63 su 1 recensioni tra criticapubblico e dizionari.

Publio Cornelio Scipione detto l’Africano e suo fratello Lucio detto l’Asiatico sono accusati da Catone, moralista accanito e un po’ opportunista, di essersi appropriati di 500 talenti, tributo di Antioco, re della Siria. Il colpevole è l’Asiatico, e l’integerrimo Africano lo denuncia a Catone. Poi, sapendo che l’ormai corrotta Repubblica non tollera gli onesti come lui, accusa se stesso davanti al Senato. Allora i senatori lo perdonano, ma lui sceglie l’esilio. 3° film di Magni, anche sceneggiatore, dopo il successo di Nell’anno del Signore… I riferimenti satirici a un’altra repubblica, quella italiana di due millenni dopo, sono evidenti, intinti di un’amarezza che affiora quando in questa commedia popolaresca le parole dei dialoghi prevalgono sulle immagini: la parlata romanesca la fa scivolare in una riduttiva goliardia. Fotografia: Arturo Zavattini. Musica: Severino Gazzelloni. Montaggio: Ruggero Mastroianni, Amedeo Salfa.

Mio Dio, come sono caduta in basso! - Film (1974)

Regia di Luigi Comencini. Un film Da vedere 1974 con Michele PlacidoLaura AntonelliAlberto LionelloRosemary DexterUgo PagliaiCast completo Genere Commedia – Italia1974durata 110 minuti. – MYmonetro 3,25 su 1 recensioni tra criticapubblico e dizionari.

All’inizio del Novecento la nobile e casta Eugenia (Antonelli) e l’arricchito plebeo Raimondo (Lionello), siciliani, apprendono per telegramma la notte delle nozze di avere lo stesso padre, ma per convenienze sociali e ragioni economiche decidono di recitare la commedia davanti al mondo, vivendo in casto connubio. Secondo la morale corrente, lui può permettersi qualche scappatella, mentre la virginea consorte, pur smaniosa dei misteri della carne, deve frenarsi. Commedia degli equivoci e delle agnizioni in cui s’intrecciano due filoni parodistici del dannunzianesimo (di cui canzona anche il versante eroico) e del romanzo popolare d’appendice. L’immaginifico domina la scena, ma Carolina Invernizio è dietro l’angolo. Pur controllati dalla misura di Comencini, i lenocinii della commedia italo-sicula fanno da mastice tra i due registri. Ingorghi e intoppi nella 2ª parte con un finale discutibile, ma le scene che sberteggiano D’Annunzio graffiano. Memorabile la sequenza del pagliaio in cui l’autista (Placido) cerca di spogliare la padrona che non collabora. Antonelli ottima, Lionello sopra le righe, due spiritosi caratteri di Abruzzo come Monsignor Pacifici e Rochefort, barone viveur.

Lo Scopone Scientifico: Amazon.it: Sordi/Mangano, Sordi/Mangano: Film e TV

Regia di Luigi Comencini. Un film Da vedere 1972 con Joseph CottenAlberto SordiBette DavisSilvana ManganoMario CarotenutoMarco TulliCast completo Genere Commedia – Italia1972durata 116 minuti. – MYmonetro 3,44 su 2 recensioni tra criticapubblico e dizionari.

Uno straccivendolo romano e la moglie si battono ogni anno a scopone con una vecchia e dispotica miliardaria americana in coppia con il suo segretario. In un primo tempo la posta in palio è fittizia, ma poi si fa sul serio: si giocano tutti i risparmi della borgata. Scritta da Rodolfo Sonego, è una vetta della commedia italiana, basata sulla dialettica denaro-potere. E la morale è amara: a giocare con i ricchi (con chi tiene il banco) si perde sempre. Non c’è divisione tra buoni (poveri) e cattivi (ricchi): la linea di separazione è segnata dalla classe sociale e dall’obbligata scelta di campo. Film appassionante, interpretabile a vari livelli e recitato da attori infallibili.

L'ingorgo - Una storia impossibile (1978) | FilmTV.it

Regia di Luigi Comencini. Un film Da vedere 1979 con Ugo TognazziAlberto SordiMarcello MastroianniStefania SandrelliMiou-MiouCast completo Genere Grottesco – Italia1979durata 128 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14 – MYmonetro 3,10 su 2 recensioni tra criticapubblico e dizionari.

Ispirato a un racconto di Julio Cortázar. Un ingorgo sull’autostrada blocca per 36 ore centinaia di automobili. S’intrecciano incontri, amicizie, conflitti, litigi, tradimenti. Relegati sullo sfondo, e tra le pieghe, i risvolti di fantasociologia e le ipotesi di catastrofe ecologica, il racconto si frantuma in una aneddotica di taglio realistico nel quadro della commedia di costume, ma c’è una nascosta sapienza di progressione narrativa e di impaginazione per cui l’addizione finale è superiore alla somma dei suoi addendi. “Gli toccarono, come a tutti gli uomini, tempi brutti in cui vivere” (J.L. Borges). Il film dice la stessa cosa di Comencini e di noi, suoi spettatori. Ridistribuito col titolo Black out sull’autostrada .

Cast completo del film Il provinciale | MYmovies

Regia di Luciano Salce. Un film con Franco FabriziMaria Grazia BuccellaGianni MorandiSergio LeonardiAndrea ScottiCast completo Genere Commedia – Italia1971durata 107 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 2,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Giunto a Roma per fare il giornalista, incontra una prostituta e decide di redimerla. Frammentaria nella costruzione e impostata su personaggi e situazioni poco credibili, è una commedia affidata a sporadiche trovate ora satiriche ora buffonesche.

Delitto d'amore - Film (1974)

Regia di Luigi Comencini. Un film con Giuliano GemmaStefania SandrelliBrizio MontinaroRenato ScarpaRina FranchettiCast completo Genere Drammatico – Italia1974durata 100 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Il lombardo Nullo e la siciliana Carmela, operai in una fabbrica, s’innamorano. La donna, intossicata da esalazioni venefiche, muore. Nullo la vendica. Comencini taglia, alleggerisce alla lombarda il vino meridionale ad alto tasso alcolico di Ugo Pirro (soggetto e sceneggiatura) in una love story proletaria diseguale, ma ricca di momenti espressivi. Imperfetto, ma anche imprevedibile sullo sfondo di una suggestiva e malinconica Milano della cintura operaia. Fu capito dai critici francesi a Cannes, e la Sandrelli, di nuovo siciliana e doppiata controvoglia, è bravissima.

NONOSTANTE LE APPARENZE... E PURCHÈ LA NAZIONE NON LO SAPPIA... ALL'ONOREVOLE  PIACCIONO LE DONNE Clip Italiana | iVID.it - il portale dei trailer

Regia di Lucio Fulci. Un film con Lionel StanderLando BuzzancaLaura AntonelliCorrado GaipaRenzo PalmerAgostina BelliCast completo Genere Comico – Italia1972durata 108 minuti. – MYmonetro 2,50 su 1 recensioni tra criticapubblico e dizionari.

L’onorevole democristiano Giacinto Puppis (L. Buzzanca, truccato da on. Emilio Colombo) fa sogni erotici dove gli appare una donna ignuda (E. Czemerys) in un’alternanza di immagini che mostrano le sue rotondità abbinate ai monumenti di piazza San Pietro. Intanto, in un intreccio di manovre e patti segreti tra Vaticano, mafia, servizi segreti e alte gerarchie militari, il Puppis diventa Presidente della Repubblica. Anche un manipolo di suore finisce in pasto alle ossessioni erotiche di un L. Buzzanca senza freni. Proiettato al Viminale in una proiezione riservata ai parlamentari, fu bloccato dalla censura e messo in circolazione dopo una provvidenziale mutilazione. Scritto da L. Fulci con Sandro Continenza e Ottavio Jemma. Distribuito in Francia come Obsédé malgré lui . “Folgorante (e unico) caso di satira politica in cui il rapporto freudiano tra potere e piacere trova un’originalissima e piccante messa in scena.” (C. Avondola-M. Garofalo).

The Rip-Off (1977) with English Subtitles on DVD - DVD Lady - Classics on  DVD

Regia di Luciano Ercoli. Un film Genere Drammatico – Italia1977durata 95 minuti.

Vittorio, un giovane pugliese emigrato a Parigi dove vive di traffici illegali, incontra una prostituta che lo mette al corrente dell’imminente rapimento in Italia del figlio di un ricca famiglia progettato da alcuni suoi amici. Vittorio, una volta rientrato in patria, recluta alcuni giovani del luogo per scongiurare il rapimento.

Regia di Luchino Visconti. Un film con Giancarlo GianniniLaura AntonelliJennifer O’NeillRina MorelliMassimo GirottiCast completo Genere Drammatico – Italia1976durata 125 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 – MYmonetro 2,63 su 3 recensioni tra criticapubblico e dizionari.

Da un romanzo (1892) di Gabriele D’Annunzio. La moglie di Tullio Hermil, ricco libertino, dà alla luce un figlio adulterino. Il marito non sopporta la situazione e fa morire il bambino esponendolo al freddo. E si uccide. Ultimo film di Visconti che morì dopo averne approntato un primo montaggio. Nessuno dei suoi collaboratori – compresi gli sceneggiatori S. Cecchi D’Amico e E. Medioli osò ritoccarlo. L’ipoteca di D’Annunzio, del dannunzianesimo e dell’incontro “inevitabile” con il represso decadentismo del regista pesò negativamente sul giudizio dei critici tra cui pochi si resero conto delle profonde differenze strutturali, narrative e persino figurative che distaccano il film dal romanzo, e dallo sguardo lucidamente critico con cui il regista lo mise in immagini. Basterebbe il personaggio della Raffo – un’ottima O’Neill – per accorgersene.

SOFFIO AL CUORE - locandina in alta risoluzione | iVID.it - il portale dei  trailer

Regia di Louis Malle. Un film Da vedere 1971 con Michael LonsdaleDaniel GélinLea MassariAve NinchiBenoit Ferreux. Titolo originale: Le souffle au coeur. Genere Commedia – Francia1971durata 119 minuti. Valutazione: 4,00 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Difficile educazione sentimentale e sessuale di un borghese quindicenne a Digione nel 1954. Provvede la madre. Stroncatura: l’incesto tra madre e figlio ridotto alla misura del salotto, di un’abile riverniciatura del teatro di consumo. Panegirico: un tema che la tradizione, e la convenzione, considera in luce tragica è stato trattato con disinvolta discrezione e sdrammatizzato in modi sani e liberi. Pur non essendo il migliore di L. Malle, è il film ben fatto di qualcuno che gioca in casa: sapiente leggerezza, sceneggiatura infallibile e una Massari straordinaria.

Regia di Louis Malle. Un film Da vedere 1974 con Ave NinchiAurore ClémentPierre BlaiseHolger LawenadlerThérèse GiehseDonato CastellanetaCast completo Titolo originale: Lacombe Lucien. Genere Drammatico – Francia1974durata 135 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 Valutazione: 4,00 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Nel 1944 un giovane contadino francese del Sud-ovest entra per caso tra gli ausiliari della polizia tedesca, conosce il lusso e la vita facile, s’innamora di un’ebrea, uccide un soldato tedesco, è catturato dai partigiani e fucilato. Acuta analisi del passato fascista e collaborazionista della Francia di Pétain durante l’occupazione, il film suscitò in Francia una tempesta di polemiche e accuse di ambiguità ideologiche. Rimane, comunque, uno dei migliori risultati di L. Malle per la forza della ricostruzione d’epoca, il ritratto inquietante del suo eroe negativo, il controcanto elegiaco del paesaggio (fotografia di Tonino Delli Colli), il peso drammaturgico della dialettica tra necessità e caso. Uso intelligente del jazz del Hot Club de France con D. Reinhardt e S. Grappelli.

Regia di Louis Malle. Un film con Joe DallesandroAlexandra StewartThérèse GiehseCathryn Harrison. Titolo originale: Black Moon. Genere Drammatico – FranciaItaliaGermania1975durata 100 minuti. Valutazione: 2,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

In fuga da una guerra civile tra i due sessi in cui non si fanno prigionieri, la giovane Lily si rifugia in una grande casa solitaria abitata da: una vecchia malata e un po’ matta; una coppia di gemelli androgini, adulti, muti; una brigata di chiassosi bambinetti nudi; un colto liocorno che parla. Seconda, e assai più esplicita, incursione nel surrealismo di Malle dopo Zazie nel metrò , è uno strano film composito di realismo fantastico sul malessere dell’adolescenza, riflesso di una condizione storica dominata dalla guerra. È un viaggio nel pianeta dei sogni che fa pensare a quello di Alice, illuminato dalla luce nera di una certa cultura inglese e germanica: Wagner va a braccetto col nonsense di Lewis Carroll, l’angoscia e l’inquietudine si mescolano con un umorismo tutto cerebrale. Ovviamente, data l’esposizione enigmatica dei fatti, si presta – e si prestò – a varie letture in chiave psicanalitica, metaforica, etico-politica. Incubo tranquillo, favola senza morale, bagnato nella magica fotografia di Sven Nykvist, è dedicato alla memoria della grande attrice teatrale tedesca Thérèse Giehse (1898-1975), impiegata dal regista anche in Lacombe Lucien . Uno dei più grandi fiaschi commerciali di Malle.

Regia di Lino Brocka. Un film Da vedere 1975 con Rafael Coco Jr.Hilda KoronelLouis Salvador Jr.Lily Gamboa Mendoza. Titolo originale: Manynila, sa mga Kuko ng Liwanag. Genere Drammatico – Filippine1975durata 125 minuti.

Dal 1970 al 1989 Brocka diresse una ventina di film – prima di morire nel ’91 in un incidente stradale – cercando di iniettare nei tipici generi della narrativa e del cinema filippino (melodramma, avventure, arti marziali, thriller) contenuti progressisti che, con un violento realismo, rivelassero la miseria e la corruzione del popolo sotto la dittatura (1965-1986) di Marcos. Accolto con favore specialmente nei paesi anglofoni, il suo 9° film racconta le peripezie di un giovane campagnolo che a Manila va in cerca della sua fidanzata, finita nelle grinfie della prostituzione organizzata. Della metropoli esplora le baraccopoli, i mercati stradali, i bordelli, i caffè cinesi a buon mercato. Al cupo e crudo realismo del suo itinerario, si contrappongono i flashback luminosi della campagna, immersi in un iridescente romanticismo pastorale.

Antonio Gramsci I Giorni Del Carcere: Amazon.it: Ammendola,Anchisi,  Ammendola,Anchisi: Film e TV

Regia di Lino Del Fra. Un film con Riccardo CucciollaLea MassariMimsy FarmerJacques HerlinFranco GraziosiAndrea AureliCast completo Genere Storico – Italia1977durata 130 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Antonio Gramsci, condannato a vent’anni di carcere dai tribunali fascisti, rivive le tappe della sua carriera politica e della vita privata: in particolare la fondazione del partito comunista, l’inutile resistenza all’offensiva della destra, il matrimonio, l’arresto, il conflitto con Togliatti. In prigione l’uomo politico è prima considerato un eroe, poi evitato per via delle sue opinioni anticonformiste su Stalin e sull’involuzione autoritaria dell’Urss. Dimesso dal carcere per motivi di salute, muore nel 1937 in una clinica di Roma. Ritratto spesso didascalico, ma quasi sempre convincente, di uno dei padri del socialismo moderno.

Al di là del bene e del male - Film (1977)

Regia di Liliana Cavani. Un film con Umberto OrsiniPhilippe LeroyVirna LisiDominique SandaErland JosephsonRobert PowellCast completo Genere Drammatico – Italia1977durata 130 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 18 – MYmonetro 3,00 su 1 recensioni tra criticapubblico e dizionari.

Liberamente ispirato alla realtà storica, è il romanzo di Lou Von Salomé, Friedrich Nietzsche e Paul Rée, che verso la fine dell’Ottocento cercano di attuare una trinità sentimentale. Chi conduce il gioco sovversivo del desiderio – la cui logica si scontra con quella del potere – è la donna e suo (della regista) il punto di vista. Scritto con Italo Moscati e Franco (Kim) Arcalli e sostenuto da un apparato figurativo di sfarzo viscontiano, è un film denso, ambizioso, fin troppo esplicativo, un po’ raffazzonato nelle plurime ispirazioni letterarie, compiaciuto nel suo indugio sul tema dell'”andare fino in fondo”.

Milarepa al cinema in Cinema | MYmovies

Regia di Liliana Cavani. Un film con Marisa FabbriPaolo BonacelliLajos BalázsovitsGeorge WangMarcella Michelangeli. Genere Drammatico – Italia1974durata 108 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Liberamente ispirato al libro Milarepa, grande yogi del Tibet , scritto dal suo discepolo Rechus (XII sec.) e tradotto in inglese nel 1926, è la storia del viaggio mentale di uno studente di oggi che si identifica in un giovane contadino del Nepal, vissuto nell’XI secolo. Avviatosi alla saggezza con la guida di un guru, passa dalla magia nera (potere distruttore) alla magia bianca (conoscenza pura). Dopo aver cercato le radici antiche della religiosità nel cristianesimo ( Francesco , 1966) e nella mitologia greca ( I cannibali , 1969), la Cavani si rivolge alla spiritualità orientale. Sceneggiato con Italo Moscati, girato sulle montagne dell’Abruzzo, prodotto dalla RAI, piacque molto a Pasolini che scrisse di “una perfetta Geometria in cui si sia sintetizzata e cristallizzata un’esperienza visiva vissuta nella realtà”.

L'ospite (1971 - Lungometraggi) - Liliana Cavani

Regia di Liliana Cavani. Un film con Lucia BosèGlauco MauriAlvaro PiccardiLorenzo PianiPeter Gonzales Falcon. Genere Drammatico – Italia1971durata 95 minuti. Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Dimessa da una casa di cura dopo vent’anni, Anna è accolta in casa del fratello, ma malattia e segregazione l’hanno resa incapace di accettare convenzioni e ipocrisie della gente normale. Si rifugia nella villa di campagna della sua adolescenza dove rivive – sul modello della favola di Mélisande che ama il cugino Pelléas e viene uccisa dal marito con l’amante – il suo sogno giovanile di felicità. Il meno risolto e il più squilibrato dei primi film della Cavani, ma un’altra tappa del suo discorso sui rapporti tra autorità e libertà, tra follia e normalità. Bella prova della Bosé come dolente ospite in senso letterale (manicomio) e metaforico (nel mondo della normalità). Prodotto dalla RAI.

Le 24 ore di Le Mans: Amazon.it: Luc Merenda, Steve McQueen, Elga Andersen,  Siegfried Rauch, Fred Haltiner, Lee H. Katzin, Luc Merenda, Steve McQueen:  Film e TV

Regia di Lee H. Katzin. Un film con Siegfried RauchLuc MerendaElga AndersenSteve McQueen. Titolo originale: Le Mans. Genere Drammatico – USA1971durata 106 minuti. – MYmonetro 3,10 su 2 recensioni tra criticapubblico e dizionari.

Tra spettacolari incidenti, il pilota Delaney (McQueen) si piazza secondo alla celebre competizione francese. La vicenda e i dialoghi sono ridotti al minimo, ma le riprese di taglio documentaristico sono eccellenti. McQueen, pilota anche nella vita, la fa da padrone sulla sua Porsche anche se arriva dopo una Ferrari. Sottolineata dal rallentatore, l’insistenza su immagini di auto che s’incendiano e si disintegrano è un’informazione sui pericoli della Formula Uno o anche una riflessione sul valore della vita umana? Non predica: mostra.