Category: Film Anni ’50


Locandina I giganti invadono la terraUn film di Bert I. Gordon. Con Glenn LanganCathy DownsWilliam Hudson, Larry Thor, James SeayRuss Bender.  Titolo originale The Amazing Colossal ManFantascienza,b/n durata 80 min. – USA 1957.

Il colonnello Glenn Manning è vittima delle radiazioni di un esperimento nucleare. Il suo corpo subisce un inarrestabile processo di ingigantimento che altera irrimediabilmente le funzioni del cuore e del cervello. Mentre gli scienziati vagliano le possibili terapie, l’uomo impazzisce, fugge dal laboratorio e si abbandona ad atti di devastazione nella città di Los Angeles. Dopo aver rapito la sua fidanzata Carol, il gigante, inseguito dall’esercito, crolla sfinito dall’alto di una diga. E tutto questo accade proprio quando i medici hanno scoperto la possibilità di curarlo.
Storico, piccolo B-movie, ingenuo nelle soluzioni degli effetti speciali, ma originale per il finale pessimistico.Sullo stesso tema, per lo stesso regista, War of the Colossal Beast. Continua a leggere

Risultati immagini per Tre Ragazzi del TexasUn film di Henry Levin. Con Jeffrey HunterMitzi GaynorKeefe Brasselle Titolo originale Three Young TexansWesterndurata 78 min. – USA 1954.

Due cowboy sono innamorati della stessa ragazza. Per poterle offrire una buona posizione, il meno scrupoloso ruba una grossa cifra. Ma cade subito nelle mani di un pericoloso bandito. L’altro cowboy cerca di salvarlo. Ma invano. Continua a leggere

Risultati immagini per Come le Foglie al VentoUn film di Douglas Sirk. Con Rock Hudson, Lauren Bacall, Robert Stack, Dorothy Malone, Robert Keith. Titolo originale Written on the Wind. Drammatico, durata 99′ min. – USA 1956. MYMONETRO Come le foglie al vento * * * 1/2 - valutazione media: 3,58 su 9 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Corteggiata da figlio beone di un industriale e da onesto geologo, Lucy sposa il primo, ma la sua perversa cognata la calunnia presso il fratello. Quasi una tragedia. Melodramma con la M maiuscola ma, per chi ama il genere, bellissimo per il disegno dei personaggi, la scansione dei fatti, l’eleganza della scrittura. D. Malone vinse l’Oscar di attrice non protagonista. Tratto dal romanzo di Robert Wilder, è di un Kitsch così irresistibile, anche se riscattato dallo stile, che sicuramente ha ispirato gli ideatori di Dallas e Dynasty. Continua a leggere

Locandina La campana ha suonatoUn film di Allan Dwan. Con John PayneLizabeth ScottDan Duryea Titolo originale Silver LodeWesterndurata 80 min. – USA 1954.

Jack, accusato ingiustamente di aver rubato 20.000 dollari e di aver ucciso lo sceriffo, si rifugia su un campanile per sottrarsi al linciaggio. Ma il telegrafo, che era stato manomesso dal vero assassino, riprende a funzionare e potrà così essere provata l’innocenza di Jack. Continua a leggere

Un film di Elia Kazan. Con Marlon Brando, Vivien Leigh, Karl Malden, Kim Hunter, Rudy Bond. Titolo originale A Streetcar Named Desire. Drammatico, Ratings: Kids+16, b/n durata 122′ min. – USA 1951. – VM 18 MYMONETRO Un tram che si chiama Desiderio * * * * - valutazione media: 4,30 su 25 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Blanche Dubois, vedova sessualmente repressa, va ad abitare a New Orleans in casa della sorella Stella, cerca di farsi sposare da un maturo corteggiatore, ha un ambiguo rapporto di seduzione col rozzo cognato che si chiude con uno stupro e scivola nella follia. Tratto da un dramma in undici scene di Tennessee Williams (messo in scena dallo stesso Kazan nel 1947 con gli stessi interpreti principali e Jessica Tandy nella parte di Blanche). Kazan usa la cinepresa come un microscopio che penetra nella psicologia dei personaggi, punta sulla crudeltà del linguaggio nell’esibizione dei corpi, del sudore o dell’odore, scarta una scelta naturalistica nella scenografia, si affida alla violenza della parola per suggerire le pulsioni di morte che dominano il testo. 9 nomination agli Oscar e 3 statuette per V. Leigh, K. Hunter, K. Malden. Rieditato nel 1993 con i 4 minuti a suo tempo censurati. Rifatto 2 volte per la TV. Continua a leggere

Poster Quo vadis? [2]Un film di Mervyn LeRoy. Con Robert Taylor, Deborah Kerr, Peter Ustinov, Leo Genn, Patricia Laffan. Titolo originale Quo Vadis. Storico, durata 171′ min. – USA 1951. MYMONETRO Quo vadis? [2] * * * * - valutazione media: 4,10 su 27 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Dal romanzo (1894-96) di Henryk Sienkiewicz, premio Nobel 1905. A Roma, sotto Nerone (37-68 d.C.) imperatore, la persecuzione dei cristiani infuria. Tornato dalla Gallia, il patrizio Marco Vinicio s’innamora della cristiana Licia, si converte e, grazie a Ursus, riesce a salvare l’amata e a salvarsi. Quasi 3 ore di noia monumentale con frammenti di istrionismo ben temperato (Ustinov/Nerone), una magniloquente colonna musicale di Miklos Rosza, una smagliante fotografia di Robert Surtees e William V. Skall. Targato M-G-M, fu il 1° dei colossi storici hollywoodiani girati dopo la guerra a Roma. Scene e costumi furono riutilizzati per Giulio Cesare (1953) di Mankiewicz. 7 candidature agli Oscar, nemmeno una statuetta. Continua a leggere

Un film di Robert Aldrich. Con Burt Lancaster, Jean Peters, John McIntire, Charles Bronson, John Dehner. Titolo originale Apache. Western, durata 91′ min. – USA 1954. MYMONETRO L’ultimo apache * * * 1/2 - valutazione media: 3,63 su 8 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

1886: dopo la resa di Geronimo e dei suoi guerrieri, il giovane Massai continua da solo la lotta finché si rassegna a trasformarsi in contadino e a sposarsi. Il 1° dei 6 western di Aldrich e, forse, il più bello, certamente il più vigoroso, quello in cui il discorso filoindiano è più esplicito. Ricco di invenzioni, con un Lancaster solido come una roccia. Una delle più belle e significative carrellate del cinema hollywoodiano. Finale imposto dalla produzione, cioè da Lancaster: Aldrich lo voleva meno ottimista. Buchinsky è Bronson. Continua a leggere

Un film di Otto Preminger. Con David Niven, William Holden, Tom Tully, Maggie McNamara. Titolo originale The Moon is Blue. Commedia, Ratings: Kids+13, b/n durata 99′ min. – USA 1953. MYMONETRO La vergine sotto il tetto * * 1/2 - - valutazione media: 2,75 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Strana ragazza illibata che ha la particolarità di dire le cose più sconvenienti nei momenti meno adatti fa giochi di equilibrio erotico tra un architetto scapolo (Holden) di buoni costumi e un maturo dongiovanni (Niven) pieno di milioni. Da una pièce (1951) di Hugh Herbert, interpretata con successo a Broadway da Barbara Bel Geddes, qui sostituita da M. McNamara, calcolatissima nella sua spontaneità. Prodotta in proprio da Preminger, fu messa al bando dall’associazione dei produttori perché, per la 1ª volta in un film nordamericano, si ricorreva nei dialoghi a parole oscene come virgin (vergine) e mistress (amante). Fu boicottata dalle autorità ecclesiastiche cattoliche con intervento personale del cardinale Spellman che la definì “un’occasione di peccato” e una violazione di ogni “regola di moralità e decenza”. Il film fu difeso dal produttore-regista sui mass media e in tribunale. La sua vittoria contribuì all’aggiornamento del Codice Hays. Quasi contemporaneamente la commedia di Herbert fu filmata in Germania: Die Jungfrau auf dem Dach con Johanna Matz, Hardy Kruger e Johannes Heersters. Continua a leggere

Photobucket Pictures, Images and PhotosUn film di John Sturges. Con Walter Brennan, Ernest Borgnine, Robert Ryan, John Ericson.Dean Jagger, Lee Marvin, Spencer Tracy, Anne Francis Titolo originale Bad Day at Black Rock. Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 81′ min. – USA 1955

Un giorno il treno si ferma alla stazioncina di Black Rock, inaspettatamente: scende un anziano con un braccio anchilosato che la popolazione accoglie con diffidenza. Che cosa cerca? Questo film è una macchina narrativa eccellente (con un’azione chiusa in 24 ore), un elastico teso sino allo spasimo, in attesa di uno strappo sempre rinviato. Il tema è analogo a Mezzogiorno di fuoco, ma la trama è più articolata. Grande Tracy. Dal racconto Bad Day at Hondo di Howard Breslin, sceneggiato da Millard Kaufman. Funzionale uso del Cinemascope (fotografia di William C. Mellor). Continua a leggere

URisultati immagini per Attenti alle Vedoven film di Richard Quine. Con Jack Lemmon, Doris Day, Ernie Kovacs, Steve Forrest Titolo originale It Happened to Jane. Commedia, durata 98′ min. – USA 1959. MYMONETRO Attenti alle vedove * * 1/2 - - valutazione media: 2,50 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Bella vedova “produttrice” di aragoste, fa causa alle ferrovie la cui inefficienza danneggia la sua attività. Il fatto suscita un’ondata di interesse in tutti gli Stati Uniti. È merito soprattutto dei 2 interpreti principali, spigliati e sicuri, se il film scorre agilmente. Dialoghi spiritosi con intenzioni di garbata ironia. Continua a leggere

Locandina L'ultima rivaUn film di Allan Dwan. Con Anthony QuinnRay MillandDebra Paget Titolo originale The River’s EdgeDrammaticoRatings: Kids+13, durata 87 min. – USA 1957

L’ex amante di un bandito è contesa tra questi e il marito. Tornerà dal marito dopo un’avventura durante la quale il malvivente morirà, dando loro prova del suo pentimento.

Continua a leggere

Risultati immagini per Policarpo, "Ufficiale di Scrittura"Un film di Mario Soldati. Con Peppino De Filippo, Carla Gravina, Renato Rascel, Romolo Valli, Renato Salvatori. Commedia, Ratings: Kids+13, durata 105′ min. – Italia 1959. MYMONETRO Policarpo, “ufficiale di scrittura” * * * - - valutazione media: 3,00 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Policarpo, impiegato ministeriale, non gode delle simpatie del suo capo ufficio, il cavalier Pancarano. Figurarsi quando i due rispettivi figli s’innamorano. Liberamente ispirato a un libretto (1903) dell’umorista e giornalista Luigi Arnaldo Vassallo (più celebre come Gandolin), è un film di garbo, una miscela di ironia e di sentimento alla cui riuscita tutti hanno collaborato, dagli attori ai tecnici. Squisito livello figurativo. Continua a leggere

Un film di Yasujiro Ozu. Con Kinuyo Tanaka, Hideko Takamine, Ken Uehara, Sanae Takasugi, Chishu Ryu Titolo originale Munekata Kyôdai. Drammatico, durata 112 min.

Due sorelle, due caratteri a confronto: Setsuko, la maggiore, personificazione delle virtù femminili giapponesi e della forza della tradizione; Mariko – la secondogenita interpretata da Hideko Takamine – affascinata dal nuovo e desiderosa di calarsi nello spirito moderno. Insieme gestiscono un bar in gravi difficoltà economiche; oltre ai problemi finanziari, Setsuko risente di un matrimonio infelice con Ryosuke. Il padre, gravemente malato, è preoccupato per le sorti della figlia maggiore, mentre Mariko, in cerca di una soluzione valida che possa risollevare la sorella anche sul piano sentimentale, la esorta a riallacciare i rapporti con Hiroshi, suo primo amore. L’improvvisa morte di Ryosuke – dovuta a un malore – anziché essere vissuta in chiave liberatoria da Setsuko le suscita un forte senso di colpa per aver trascurato il marito, tanto da rifiutare la proposta matrimoniale di Hiroshi, scegliendo di vivere da sola.

Continua a leggere

Risultati immagini per Cuori senza FrontiereUn film di Luigi Zampa. Con Gina Lollobrigida, Raf Vallone, Cesco Baseggio, Erno Crisa. Drammatico, b/n durata 81′ min. – Italia 1950. MYMONETRO Cuori senza frontiere * * 1/2 - - valutazione media: 2,75 su 8 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Paesino al confine con la Iugoslavia è diviso in due dalla Commissione Internazionale dei Territori. Alla popolazione l’ardua scelta. “Un film dalle ambizioni nettamente sproporzionate per uno Zampa non ancora arrivato al massimo delle proprie possibilità creative” (F. Di Giammatteo). Macchiettistico. G. Lollobrigida con la voce di Lidia Simoneschi. I critici Callisto Cosulich e Tullio Kezich appaiono nei ruoli di un ufficiale sovietico e di un tenente iugoslavo. Continua a leggere

Un film di Nicholas Ray. Con Sterling Hayden, Joan Crawford Western, Ratings: Kids+16, durata 110′ min. – USA 1954. MYMONETRO Johnny Guitar * * * 1/2 - valutazione media: 3,79 su 17 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

In Arizona, dopo la guerra civile, Vienna, proprietaria di un saloon-casa da gioco, è malvista dai notabili della zona perché dà ospitalità a una banda di fuorilegge. Si fa aiutare da Johnny, pistolero-chitarrista già suo amante. Incendio e duello finale tra due donne. Giudicato troppo eccentrico ed eccessivo quando uscì, è tenuto oggi per un capolavoro di lirismo barocco e di graffiante parodia sul maccartismo, la “caccia alle streghe” comuniste, e sul puritanesimo repressivo. Il fascino del film, scritto da Philip Yordan, scaturisce dalla sua esaltazione poetica della libertà e dell’amore, dalla dialettica opposizione delle forze in campo, dal suo cifrato simbolismo sessuale. Tutto è eccessivo nel film, anche il Trucolor di Harry Stradling. Caratteristi in folla: Ernest Borgnine, John Carradine, Royal Dano, Ben Cooper. Continua a leggere

Risultati immagini per TemerarioUn film di Nicholas Ray. Con Robert Mitchum, Susan Hayward, Arthur Kennedy Titolo originale The Lusty Men. Avventura, Ratings: Kids+13, durata 113′ min. – USA 1952. MYMONETRO Il temerario [1] * * * 1/2 - valutazione media: 3,50 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Sposato da poco con Louise, Jimmy si mette in società con Jeff, ex campione di rodeo. Ben presto i facili guadagni danno alla testa a Jimmy e Jeff s’innamora della donna. Su una bella sceneggiatura di Horace McCoy (e David Dortort, un vecchio cowboy) Ray descrive con efficacia quasi documentaristica il mondo del rodeo, ma il nucleo del racconto è nel rapporto tra i tre personaggi principali e soprattutto nel ritratto di Jeff McCloud (un ottimo Mitchum), tipico eroe crepuscolare, desolato ma non disperato, che il regista descrive con occhio fraterno e lucido. Continua a leggere

Risultati immagini per All'Ombra del PatiboloUn film di Nicholas Ray. Con Viveca Lindfors, Ernest Borgnine, James Cagney, John Derek. Titolo originale Run for Cover. Western, Ratings: Kids, durata 93′ min. – USA 1955. MYMONETRO All’ombra del patibolo * * * - - valutazione media: 3,00 su 7 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

L’anziano e amareggiato Matt fa amicizia col giovane e fragile Davey. Un equivoco li fa scambiare per rapinatori di un treno e, ferito nella sparatoria, Davey rimane storpio. Tempo dopo, eletto sceriffo da chi voleva linciarlo, Matt nomina suo vice Davey, ma la sua fiducia è mal riposta. È il 2° dei 3 western di J. Cagney e di Nick Ray che porta nel genere i suoi temi preferiti: la difficile pratica dell’amicizia; l’incomunicabilità tra le diverse generazioni (anche tra chi si ama); la seduzione negativa della violenza sulla giovinezza; la relatività della nozione di giustizia; la denuncia dell’intolleranza. “Sembra la tragedia degli equivoci… pessimista, in cui nessuno è mai quello che appare e colui che sembra maggiormente colpevole, il giovane Davey, è in realtà la prima vittima…” (A. Viganò). Continua a leggere

Un film di Fred McLeod Wilcox. Con Walter Pidgeon, Anne Francis, Leslie Nielsen, Warren Stevens, Jack Kelly. Titolo originale Forbidden Planet. Fantascienza, durata 98′ min. – USA 1956. MYMONETRO Il pianeta proibito * * * 1/2 - valutazione media: 3,96 su 23 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Nel 2200 d.C. un incrociatore spaziale approda sul pianeta Altair 4, dove vent’anni prima s’era perduta la precedente spedizione, e lo trova dominato da Morbius, scienziato megalomane con figlia e robot e abitato da mostruose e aggressive entità, creature nate dall’inconscio dei Krels, precedenti abitanti del pianeta, e del prof. Morbius. È ormai diventato un piccolo classico del cinema di SF. Scritta da Cyril Hume, l’ingegnosa storia è una parafrasi della Tempesta di Shakespeare. Suspense, bizzarria, sorprese ed effetti speciali primitivi ma efficaci. Robby, il piccolo robot, conquistò le simpatie di molti spettatori e riapparve nel film Il robot e lo Sputnik. Continua a leggere

Risultati immagini per Marty, Vita di un TimidUn film di Delbert Mann. Con Ernest Borgnine, Karen Steele, Betsy Blair, Joe Mantell. Titolo originale Marty. Commedia, Ratings: Kids+16, b/n durata 91′ min. – USA 1955. MYMONETRO Marty, vita di un timido * * * 1/2 - valutazione media: 3,75 su 8 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Da un sabato a una domenica sera, nel Bronx, un uomo e una donna s’incontrano, si parlano, si innamorano. Lui è un macellaio, brutto e grasso, lei una maestrina non più giovanissima. Scritto da Paddy Chayefsky, ha il respiro narrativo di un racconto e le sue origini televisive sono evidenti. Un film senza grossi drammi, senza psicanalisi, che narra una realtà che diventa verità. È il primo dei teledrammi che verso la metà degli anni ’50 furono rifatti a basso costo per il cinema, portando una ventata d’aria fresca nel cinema hollywoodiano. Anche se oggi la sua novità è difficilmente riconoscibile, grande fu la sua importanza storica. Ebbe 7 candidature agli Oscar, vincendone 4: miglior film, regia, sceneggiatura e Borgnine. Palma d’oro a Cannes. Continua a leggere

Locandina Il commissario MaigretUn film di Jean Delannoy. Con Jean GabinAnnie GirardotJean Desailly Titolo originale Maigret tend un piègeGiallob/n durata 116 min. – Francia 1958MYMONETRO Il commissario Maigret * * * - - valutazione media: 3,00 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Nella Parigi soffocata dall’afa un maniaco va in giro ammazzando donne. Maigret si dà da fare e volge i suoi sospetti su un giovanotto di buona famiglia. Lo arresta, ma la sera stessa un’altra donna è uccisa nelle stesse circostanze. Il sospetto viene dunque scagionato, ma nel finale ci sarà un’altra sorpresa. Continua a leggere