Dossier | L'Ombra dello Scorpione di Mick Garris (1994): una miniserie che  tenta l'impossibile | Il Cineocchio

L’ombra dello scorpione (The Stand) è una miniserie televisiva del 1994 diretta da Mick Garris e tratta dall’omonimo romanzo di Stephen King. La sigla d’apertura della serie è il brano (Don’t Fear) The Reaper dei Blue Öyster Cult.

Un potentissimo virus simile a quello dell’influenza creato in laboratorio e scappato al controllo dell’esercito si espande un bel giorno nell’aria estiva di una piccola cittadina del Maine. Non c’è una cura per questo virus e sembra che l’umanità sia sul punto di estinguersi. Ma un piccolo gruppo di persone risulta immune al virus. Il primo a dare segni di sopravvivenza è Stu, un texano, che sente il richiamo di un’anziana veggente di colore, Abigail Freemantle, detta Mother Abigail. Durante il suo cammino verso la casa di Mother Abigail, Stu incontrerà altri sopravvissuti che, come lui, hanno sentito il richiamo della veggente e vanno da lei per capire il significato del messaggio. Insieme, i sopravvissuti si uniranno per sconfiggere le forze del male guidate da Randall Flagg, un’incarnazione del Diavolo.

EpisodioTitolo originaleTitolo italianoPrima TV USA
1The PlagueLa peste8 maggio 1994
2The DreamsI sogni9 maggio 1994
3The BetrayalIl tradimento11 maggio 1994
4The StandIl fondamento12 maggio 1994