Risultato immagini per i pappagalli sordi

Un film di Bruno Paolinelli. Con Alberto SordiAldo FabriziMaria FiorePeppino De FilippoMaria Pia Casilio. continua» Commediadurata 96 min.

In una domenica a Roma negli anni Cinquanta, in un grande condominio, si intrecciano le vicende di alcune domestiche. È mattina. Le ragazze, affacciate alle finestre, si scambiano confidenze pregustando le ore di libertà che le attendono quel giorno.
Caterina è in servizio presso una signora che la crede bugiarda nonostante lei si sforzi di raccontarle la verità. Angela aspetta da tempo notizie dal fidanzato e lavora per una donna le cui uniche attenzioni sono rivolte ai suoi cani. La provocante e ingenua Giulietta rende i suoi servigi alla famiglia Tanzi, e al pomeriggio ha un appuntamento con Luciano. Antonietta, matura servente che si vede con Bepi, finto cleptomane, ha organizzato un pomeriggio molto culturale per lei e il suo impenitente ladruncolo. Queste e altre storie si snodano nello stabile sotto gli occhi attentissimi di Antonio, portiere a sua volta guardato a vista da una vecchia moglie gelosa.
Commedia semplice, basata su un’ottima sceneggiatura, la pellicola di Bruno Paolinelli ritrae piccole storie di donne immerse in una quotidianità dolce e a tratti amara. Divertente spaccato dell’Italia prima del boom, il film si struttura attraverso dialoghi serrati, situazioni spiritose, macchiette variopinte e vitalizzate dalla recitazione di grandi attori.

3/5


Un ladro incurabile che ruba i bottoni dalla giacca del portiere, le macchinine dei bambini e le targhette sulle porte con la stessa noncuranza; il dottor Tanzi che approfitta della giovane Giulietta e inscena uno scambio di battute esilarante e senza respiro con il portiere che non vuole andarsene (irresistibili Alberto Sordi e Aldo Fabrizi); la domestica Caterina che vede involontariamente le parole sulla sua bocca trasformarsi sempre in bugie tanto che, alla fine dovrà paradossalmente mentire prima di essere creduta. E poi Angelina, disperata per amore, che viene salvata dopo aver tentato in casa il suicidio. Come l’incantevole Shirley MacLaine, qualche anno più tardi, in L’Appartamento di Billy Wilder.