Risultati immagini per Salome - 1923

Un film di Charles Bryant. Con Alla NazimovaMitchell Lewis, Rose Dione Storicob/n durata 75′ min. – USA 1923.

Il film, frutto della quarta collaborazione tra la Nazimova (1879-1945) e la costumista / scenografa Natasha Rambova (1897-1966), è uno dei pochi lungometraggi hollywoodiani che si possano definire, nell’accezione più rigorosa del termine, sperimentali. Nazimova era stata produttrice, attrice, ma anche regista de facto e sceneggiatrice con lo pseudonimo di Peter Winters, quando, dopo dieci anni di successi, decise di abbandonare gli studios hollywoodiani per dedicarsi alla produzione indipendente. Nazimova decise di interpretare personalmente la caparbia eroina quattordicenne del dramma originale di Wilde, pubblicato solo venticinque anni prima, confidando che la propria figura non tradisse affatto i suoi 43 anni. La sua protegée, nata Winifred Shaughnessy, usò il nome d’arte di Rambova, che aveva adottato quando era entrata a far parte della compagnia di ballo di Theodore Kosloff. Con Salomè le due intendevano dimostrare la totale compatibilità tra arte e cinema; e Rambova, per le scene e i costumi, si ispirò alle illustrazioni di Aubrey Beardsley che accompagnavano la prima traduzione in inglese del dramma di Wilde. Il budget fu di 350.000 dollari, una cifra esorbitante per un film che non era certo un kolossal, ma i soli materiali per i costumi, che dovevano evocare il fasto decadente della corte di Erode, vennero fatti arrivare appositamente dalla Francia. I dirigenti dello studio ritennero il film troppo sofisticato per i gusti delle masse; Salomè venne distribuito male, e Nazimova perdette in un colpo solo il proprio patrimonio personale investito nel film e il prestigio decennale acquisito a Hollywood. Nella cerchia internazionale che ruotava attorno a Nazimova era presente Paul Ivano (1899-1984) che, in seguito, come altri collaboratori del film, avrebbe continuato la sua esperienza nel cinema sperimentale: assistente operatore in Salomè, egli fu poi uno dei cameraman di The Life and Death of 9413 – A Hollywood Extra, il cui regista, Robert Florey, era anch’egli un entusiasta sostenitore di Salomé.