Archive for dicembre, 2018


Un film di Jeff Lieberman. Con Don Scardino, Patricia Pearcy, Fran Higgins, William Newman, Barbara Quinn. Titolo originale Squirm. Horror, durata 92 min. – USA 1976. MYMONETRO I carnivori venuti dalla savana * * * - - valutazione media: 3,00 su 1 recensione.

Una violenta tempesta abbatte i tralicci dell’alta tensione e getta la piccola cittadina di Fly Creek nell’oscurità più completa e …in mano ai vermi. Le potenti scariche elettriche, infatti, riversandosi sul terreno provocano una mutazione in migliaia di colonie di vermi rendendoli voraci e aggressivi. Un giovane, giunto in paese per incontrare un’amica, è il primo ad accorgersi che la natura sta rivoltandosi contro l’uomo, ma lo sceriffo del luogo è sordo ai suoi avvertimenti. I voracissimi animaletti strisciano verso il centro abitato durante la notte e cominciano a divorare chiunque capiti a tiro. Salvatosi a stento insieme alla sua ragazza, il giovane assiste impotente alla carneficina. Quando i guasti della rete elettrica vengono riparati, la situazione torna alla normalità, ma Fly Creek è ormai una città fantasma.
Dileggiato dalla critica, il film presenta non poche incongruenze a livello di sceneggiatura ed indulge con divertita baldanza sulle scene raccapriccianti. Difetti a parte, alla storia si può riconoscere almeno il non piccolo merito di avere affrontato il tema del disastro ecologico senza far ricorso a prevedibili catastrofi nucleari o incontrollabili inquinamenti: l’abbattimento dei tralicci dell’alta tensione basta a Lieberman per suggerire che anche la più semplice delle tecnologie possiede in sé gli elementi sufficienti per un’alterazione irreversibile dell’ambiente.©

Continua a leggere

Un film di Anthony Mann. Con Anne Baxter, Glenn Ford, Arthur O’Connell, Maria Schell Western, durata 147′ min. – USA 1960. MYMONETRO Cimarron * * 1/2 - - valutazione media: 2,50 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Dai romanzi di Edna Ferber. Vita, imprese e morte (in Europa, combattendo contro i tedeschi) di Yancey Cravat, avventuroso colono che si stabilisce nell’Oklahoma nel 1890. Gli sopravvive la moglie indomita. Rifacimento di un famoso western del ’31, è uno dei più fiacchi risultati di A. Mann. Un greve melodramma senza estro né scatti.

 

Continua a leggere

Un film di Lars von Trier. Con Michael Elphick, Me Me Lay, Esmond Knight, Jerold Wells, Me Me Lai. Titolo originale Forbrydelsens element. Giallo, durata 104′ min. – Danimarca 1984. MYMONETRO L’elemento del crimine * * * - - valutazione media: 3,17 su 13 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Attraverso l’ipnosi uno psicanalista-stregone del Cairo estorce al protagonista il racconto del suo ritorno in Europa sulle tracce di uno psicotico che ammazza ragazzine, una ricerca in cui rischia di perdersi. Impressionante, delirante esordio del danese Trier in una detective story che raddoppia sé stessa e sostiene la necessità di identificarsi col colpevole per poterlo scoprire. Ricco di rimandi letterari, filosofici e filmici, da Blade Runner a Stalker, dal noir americano a Eraserhead.

Continua a leggere

Un film di Mervyn LeRoy. Con James Mason, Barbara Stanwyck, Van Heflin, Cyd Charisse. Titolo originale East Side, West Side. Drammatico, Ratings: Kids+13, b/n durata 108′ min. – USA 1949. MYMONETRO I marciapiedi di New York [1] * * * - - valutazione media: 3,00 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Nell’alta società di New York un riccone galante coniugato riavvampa per una ex amante più giovane e trascura la moglie che si consola con un corteggiatore. Quando l’amante viene uccisa, il riccone rischia di essere incriminato. Melodramma targato M-G-M, imbattibile nel presentare in confezione di lusso materiale sostanzialmente poco interessante. Conta per il cast: B. Stanwyck (1907) e A. Gardner (1922) rivali in amore, ma sono in partita anche C. Charisse e N. Davis, futura signora Ronald Reagan.

Un film di Philippe Labro. Con Jean-Paul Belmondo, Bruno Cremer, Patrick Fierry Titolo originale L’alpagueur. Poliziesco, durata 95′ min. – Francia 1976. MYMONETRO Lo sparviero * * * 1/2 - valutazione media: 3,55 su 9 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Un ex cacciatore si mette al servizio, come agente segreto, della polizia francese per sgominare una banda di criminali nel campo della droga e della prostituzione. Poliziesco francese con un po’ della violenza dei film hollywoodiani di azione, al servizio del divismo atletico dell’intramontabile J.-P. Belmondo. È il trionfo del già visto.

Risultati immagini per China Blue

Un film di Ken Russell. Con Anthony Perkins, Kathleen Turner, John Laughlin Titolo originale Crimes of Passion. Drammatico, durata 101′ min. – USA 1984. – VM 18 – MYMONETRO China blue * * * - - valutazione media: 3,11 su 7 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Joanna Crane ha una doppia vita a schizofrenia libera: strapagata stilista di giorno, tutta casa e lavoro, al calar del sole si traveste da prostituta e va a battere i marciapiedi dell’infima Los Angeles. Film truculento e trito, indigesta mistura di naturalismo attardato, decadentismo decorativo, infantilismo freudiano, greve moralismo e congenita ruffianeria mercantile. Il talento di K. Russell affiora qua e là a schegge.

Photobucket Pictures, Images and PhotosUn film di Glenn Gordon Caron. Con Annette Bening, Katharine Hepburn, Warren Beatty, Harold Ramis Titolo originale Love Affair. Commedia, durata 108′ min. – USA 1994. MYMONETRO Love Affair – Un grande amore * * 1/2 - - valutazione media: 2,95 su 11 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Dopo un atterraggio forzato su un atollo del Pacifico, cronista sportivo e musicista s’innamorano. Si danno un appuntamento sull’Empire State Building a New York tre mesi dopo. Per un incidente che la costringe in carrozzella, lei non arriverà all’incontro. Lacrimoso remake di una storia sentimentale già portata sullo schermo da Leo MacCarey nel ’39 (Irene Dunne-Charles Boyer in Un grande amore) e nel ’57 (Deborah Kerr-Cary Grant in Un amore splendido). Un concentrato di melensaggini. K. Hepburn sempre grande in una patetica apparizione. Continua a leggere

Risultati immagini per CalvaireCalvaire è un film di Fabrice Du Welz del 2004, con Laurent Lucas, Jackie Berroyer, Philippe Nahon, Jean-Luc Couchard, Brigitte Lahaie, Gigi Coursigny, Philippe Grand’Henry, Jo Prestia, Marc Lefebvre, Alfred David. Prodotto in Belgio, Francia, Lussemburgo. Durata: 94 minuti.

Il giovane cantante Marc Stevens, artista squattrinato che si guadagna da vivere esibendosi negli ospizi, si trova in un bosco quando la sua vettura si blocca sotto la pioggia e dovrà trovare rifugio in una locanda…

Continua a leggere

Locandina The Lincoln LawyerUn film di Brad Furman. Con Matthew McConaughey, Marisa Tomei, John Leguizamo, Ryan Phillippe, Michaela Conlin. Drammatico, – USA2011.

Mickey Haller (Matthew McConaughey) è un avvocato che difende i criminali di Los Angeles che lavora dai sedili posteriori della sua Lincoln sedan. Haller ha speso la maggior parte della sua carriera a difendere vari tipi di criminali fino a quando non trova il caso della sua vita: difendere Louis Roulet (Ryan Phillippe), un playboy di Beverly Hills accusato di stupro e tentato omicidio.
Il caso inizialmente semplice pian piano si trasforma in un gioco mortale da cui Haller deve cercare di sopravvivere.
Inizialmente The Lincoln Lawyer doveva essere diretto ed interpretato da Tommy Lee Jones, ma a fine novembre del 2009 l’attore ha lasciato la produzione per divergenze creative.

Continua a leggere

Risultati immagini per Il Segreto di una DonnaUn film di Otto Preminger. Con José Ferrer, Gene Tierney, Richard Conte Titolo originale Whirlpool. Giallo, Ratings: Kids+16, b/n durata 98′ min. – USA 1949. MYMONETRO Il segreto di una donna * * * - - valutazione media: 3,00 su 7 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

La moglie di uno psicanalista è affetta da cleptomania. L’ipnotizzatore Korvo (J. Ferrer) promette di guarirla, ma ne approfitta per commettere un delitto, addossandone a lei la colpa. Dal romanzo di Guy Endore. Torbida vicenda da incubo, imperniata sul tema dell’ipnotismo e su quello dell’impossibilità di modellare completamente un altro essere. G. Tierney è brava, ma nella parte del dottor Korvo Ferrer è superbo.

Continua a leggere

Photobucket Pictures, Images and PhotosUn film di Phillip Noyce. Con Denzel Washington, Michael Rooker, Angelina Jolie, Queen Latifah, Luis Guzmán Titolo originale The Bone Collector. Thriller, durata 118 min. – USA 1999. MYMONETRO Il collezionista di ossa * * 1/2 - - valutazione media: 2,82 su 29 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

L’impianto è quello de La Finestra sul cortile di Hitchcock. Washington sostituisce Stewart, guardone alla finestra, e la Jolie è nel ruolo (più o meno) di Grace Kelly. C’è il solito serial killer di New York. Registicamente c’è un altro riferimento, nelle atmosfere inquietanti e violente: sarebbe l’ormai irrinunciabile Seven. Appunto, sono più citazioni che sostanza.

Continua a leggere

Un film di Michael Curtiz. Con Lauren Bacall, Gary Cooper, Donald Crisp, Patricia Neal Titolo originale Bright LeafDrammatico, Ratings: Kids+16, b/n durata 110′ min. – USA 1950. MYMONETRO Foglie d’oro * * * - - valutazione media: 3,00 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Dal romanzo di Robert Wilders. Ricco coltivatore di tabacco fa cacciare dal paese Brant Royle che ha osato baciare sua figlia. Tempo dopo, con l’aiuto di una ex amante, Royle finanzia un nuovo progetto per la fabbricazione di sigarette, s’arricchisce, danneggiando il monopolio dei sigari, fa fallire il rivale che si dà la morte. Sua figlia, che ha sposato Royle, lo vendica. Pur con qualche languore, è un turgido melodramma che funziona, sostenuto dalla bella fotografia di Karl Freund e dall’energica regia. Nella parte di un solitario arrogante e arrivista, Cooper scopre la parte segreta del suo temperamento.

Un film di Pierre Granier-Deferre. Con Alain Delon, Jean Tissier, Simone Signoret, Ottavia Piccolo Titolo originale La veuve Couderc. Drammatico, durata 88′ min. – Francia 1971. MYMONETRO L’evaso * * * - - valutazione media: 3,00 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Nel 1936 un giovane anarchico fuggito dalla Cayenna trova rifugio presso una vedova. I due s’innamorano. I parenti di lei lo denunciano. Dal romanzo di Georges Simenon. Granier-Deferre ha cambiato un po’ le carte del racconto, ma il film resta impregnato del sapido naturalismo del Fronte Popolare negli anni ’30. Suggestiva ambientazione, Signoret in forma.

Risultati immagini per Il Sesso del DiavoloUn film di Oscar Brazzi. Con Rossano Brazzi, Sylva Koscina, Maltena Galli, Fikret Hakan Drammatico, durata 92 min. – Italia 1971. MYMONETRO Il sesso del diavolo – Trittico * - - - - valutazione media: 1,00 su 1 recensione.

Storia quasi priva di senso, con marito cornuto, moglie lesbica, governante mancata assassina.

Continua a leggere

Un film di Romolo Guerrieri. Con Luigi Pistilli, Evelyn Stewart, Carroll Baker, Jean Sorel. Drammatico, durata 90 min. – Italia 1968. MYMONETRO Il dolce corpo di Deborah * * - - - valutazione media: 2,00 su 1 recensione.

Due giovani coniugi cercano di farsi fuori a vicenda per intascare i soldi dell’assicurazione. Marcel prepara il piano per uccidere la moglie con l’aiuto di due vecchi amici, Philip e Susan (quest’ultima creduta morta). Egli conduce la sposa sulla via della pazzia e tenta di farla poi uccidere dai complici. Ma la donna, più furba, con l’aiuto di un pittore, ucciderà il marito.

Continua a leggere

Risultati immagini per La Ninfa degli Antipodi -Un film di Mervyn LeRoy. Con Walter Pidgeon, Victor Mature, Esther Williams, Davis Brian Titolo originale Million Dollar Mermaid. Sentimentale, durata 115′ min. – USA 1952. MYMONETRO La ninfa degli antipodi * * 1/2 - - valutazione media: 2,75 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Per guarire da un’infermità alle gambe, Annette fa molto nuoto. Si trasferisce da Sidney a Londra dove il giovane Jimmy la convince a esibirsi come nuotatrice. Successo, partenza per gli USA. Rievocazione romanzata delle brillanti imprese della famosa nuotatrice Annette Kellerman (1888-1975), americana di origine australiana che fece anche l’attrice di cinema negli anni ’10. Buoni i numeri acquatici, bella fotografia di George J. Folsey, raffinate coreografie di Busby Berkeley. Film M-G-M, naturalmente.

Continua a leggere
Risultati immagini per Cloud Atlas

Regia di Tom TykwerLilly WachowskiLana Wachowski. Un film con Tom HanksHalle BerryJim BroadbentHugo WeavingJim SturgessDoona BaeCast completo Genere Fantascienza – USAGermaniaSingaporeHong Kong2012durata 172 minuti. Uscita cinema giovedì 10gennaio 2013distribuito da Eagle Pictures. – MYmonetro 3,29 su 246 recensioni tra criticapubblico e dizionari.

Sei storie si svolgono in parallelo anche se ambientate in sei epoche diverse, come se fossero presenti in un’unica dimensione senza tempo. A metà ottocento un avvocato americano si adopera contro la schiavitù, negli anni ’30 un giovane compositore bisessuale viene incastrato da un grandissimo autore presso il quale lavora, a San Francisco negli anni ’70 una giornalista cerca di svelare un complotto per la realizzazione di un reattore nucleare, ai giorni nostri in Inghilterra un anziano editore viene incastrato e internato in una casa di cura da cui cercherà di fuggire, nella Seul del 2144 un clone si unisce ai ribelli e scopre che quelle come lei sono utilizzate come cibo per altri fabbricati e infine nel 2321 in una Terra ridotta all’eta della pietra da una non ben identificata apocalisse un uomo entra in contatto con i pochi membri di una civiltà tecnologicamente avanzata e si ribella alla tribù dominante.
Il gigantesco progetto di Tom Tykwer, a cui si sono uniti in corsa (sia per la scrittura che per la regia) i fratelli Wachowsky, è il film più costoso della storia della Germania ed essendo stato realizzato senza l’aiuto di nessuna grande produzione è probabilmente anche il film indipendente più costoso di sempre.

Continua a leggere

Locandina Post MortemUn film di Pablo Larrain. Con Alfredo Castro, Antonia Zegers, Jaime Vadell, Amparo Noguera, Marcelo Alonso. Drammatico, durata 98 min. – Cile, Messico, Germania 2010. – Archibald Enterprise Film uscita venerdì 29 ottobre 2010. MYMONETRO Post Mortem * * * 1/2 - valutazione media: 3,61 su 22 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Santiago del Cile, 1973. Mario Corneo lavora come funzionario presso l’obitorio. Trascrive a macchina le autopsie. Si innamora di una ballerina di cabaret, Nancy, sua vicina di casa. Ma sono i giorni del colpo di stato, l’obitorio si riempie di cadaveri, della casa e della famiglia di Nancy non rimangono tracce. La ragazza si nasconde nel cortile della casa di Mario, che le porta il cibo e le sigarette. Intanto, all’obitorio, i morti riempiono le sale, i corridoi, le scalinate dell’ospedale.
Il cileno Pablo Larrain dà nuovamente prova, dopo Tony Manero, di una capacità di racconto ammirabile, perché inedita ed efficace. Il protagonista è ancora Alfredo Castro, figura ambigua, tra obbedienza e umanità (rispetto alla tragedia in atto), sentimento e istinto (nel rapporto con Nancy, e fino all’epilogo), mondo dei vivi e terra dei morti. Un essere che appartiene da subito all’universo del Post Mortem che dà al film il titolo e diversi significati. La sua esistenza squallida, priva di qualsivoglia slancio vitale, si movimenta un giorno al contatto con la morte, scuotendo improvvisamente anche il film intero e ridisegnandone le coordinate. Quel giorno, infatti, sotto gli occhi di un gruppo schierato di uomini in divisa e sotto le mani del medico con cui lavora Mario, finisce il corpo del presidente Salvador Allende, il suo cervello bucato dal proiettile. D’un tratto, non è più una storia di vita ordinaria, ma un giorno straordinario, di morte. Il dopo sarebbe stato, a lungo, un traumatico post mortem. Continua a leggere

Un film di Pedro Almodóvar. Con Assumpta Serna, Eusebio Poncela, Carmen Maura, Antonio Banderas, Julieta Serano. Grottesco, durata 110′ min. – Spagna 1986. – VM 18 – MYMONETRO Matador * * 1/2 - - valutazione media: 2,92 su 10 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Torero in ritiro e avvocatessa s’incontrano, si amano, si uccidono nell’attimo del piacere. Melodramma sulla corrida tutto sopra le righe dove gli esseri umani sostituiscono i tori, con un sottofondo di ironia provocatoria. Amore e morte in una Spagna divisa tra rock e Opus Dei. Continua a leggere

Locandina italiana La ragazza del dipintoUn film di Amma Asante. Con Gugu Mbatha Raw, Tom Wilkinson, Sam Reid, Sarah Gadon, Miranda Richardson. Titolo originale Belle. Biografico, durata 105 min. – USA 2013. – 20th Century Fox uscita giovedì 28 agosto 2014. MYMONETRO La ragazza del dipinto * * * 1/2 - valutazione media: 3,52 su 10 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

1769. Il capitano Sir John Lindsay della Marina di Sua Maestà Britannica decide, alla morte della madre, di riconoscere e portare con sé in Inghilterra la figlia mulatta affidandola allo zio Presidente della Corte Suprema. Dido Elizabeth Belle entra così a far parte, non senza difficoltà, di una famiglia nobile e in vista. Il suo rapporto con la cugina Elizabeth Murray si fa stretto sin da bambine e continua ad essere tale anche quando Dido erediterà la fortuna del genitore mentre Elizabeth si troverà senza dote. Questa situazione si intreccia con un evento che coinvolgerà l’intera legislazione britannica sulla schiavitù.
Non è facile gestire cinematograficamente un film in costume ambientato nel ‘700 senza farsi condizionare dagli innumerevoli illustri predecessori che hanno elaborato complesse strutture narrative, spesso di derivazione letteraria. Il modello che potrebbe essere accostato a questa opera seconda di Amma Asante è forse lo scorsesiano L’età dell’innocenza per l’intreccio tra opzioni dei singoli e convenzioni sociali.
Alla regista londinese di origine ghanese manca forse il controllo geometrico delle relazioni ma non le difetta certo la capacità di innervare il sottotesto di cinema dei sentimenti con riflessioni originali. Perché nel momento in cui ci ricorda che la vita delle donne di buona famiglia ai tempi era totalmente condizionata dall’attesa di un maschio che spesso desiderava più la loro dote che le loro attenzioni, riesce anche a ribaltare il gioco. Il suo è certo un film sulla schiavitù femminile che viene declinata per il colore della pelle e per il censo. Dido da ‘negra’ che non può pranzare con i familiari perché creerebbe imbarazzo diviene oggetto di attenzione maschile nel momento in cui eredita rischiando di lasciare la cugina ‘bianca’ a soffrire di un triste zitellaggio.
Ma questi elementi non costituiscono che una parte della narrazione perché essa si intreccia con il caso della nave Zong di cui Asante porta a conoscenza un più vasto pubblico che non sia quello degli storici. Su quel veliero viaggiavano numerosi schiavi che vennero gettati a mare incatenati perché ammalati cercando così di lucrare con le assicurazioni che non avrebbero invece coperto l’arrivo sul mercato di ‘merce’ avariata. Il caso costituì un punto di non ritorno per lo schiavismo in Gran Bretagna. A tutto ciò si aggiunga il quadro (che giustifica il titolo italiano) che ritrae insieme le due cugine. Potrebbe essere un escamotage narrativo o un riferimento reale. Solo alla fine della proiezione si avrà la risposta. Continua a leggere