Un film di Giulio Questi. Con Marilù Tolo, Piero Lulli, Tomas Milian, Milo Quesada, Roberto Camardiel. Western, durata 118′ min. – Italia 1967. MYMONETRO Se sei vivo spara * * * - - valutazione media: 3,38 su 8 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Uno dei più eccentrici western italiani degli anni ’60. Vi esordì nel lungometraggio il bergamasco Giulio Questi che lo scrisse con Kim Arcalli, responsabile del montaggio. I due si divertono molto combinando eccessi barocchi di violenza e risvolti gay con ambizioni di critica sociale, sprazzi surrealisti, riferimenti psicoanalitici. Carneficine a catena tra militari, banditi, tirannelli locali, ipocriti maggiorenti _ e al centro un fuorilegge mezzo sangue (Milian) _ per il possesso di un carico d’oro, rapinato a una carovana militare. Sequestrato tre giorni dopo l’uscita dalla censura che richiese sforbiciate alle scene più crude. Accennato con tenerezza, il rapporto gay è tra Milian e Lovelock, suicida per la vergogna di essere stato violentato da un gruppo di cowboy. Nel 1975, in un’edizione rimontata, uscì col titolo di Oro Hondo. Intanto era stato distribuito in Spagna (Oro Maldito), Francia, Germania, USA. Gianni Amelio aiutoregista. La sola versione integrale è uscita in DVD all’estero.Se sei vivo spara_s.jpg