Un film di Béla Tarr. Con Lars Rudolph, Hanna Schygulla Titolo originale Werckmeister harmóniák. Drammatico, durata 145 min. – Ungheria 2000. MYMONETRO Le armonie di Werckmeister * * * * - valutazione media: 4,00 su 10 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

In un villaggio della puszta magiara arriva un camion che porta, in un grande contenitore metallico, una balena impagliata. Questa attrazione da fiera è scortata da un bizzarro personaggio che profetizza un’imminente apocalisse. L’evento scatena una violenza collettiva: la gente invade l’ospedale, ne scaccia i degenti, distrugge ogni cosa. Finito il pandemonio – con la balena scoperta e malconcia sulla piazza – c’è spazio e tempo soltanto per il potere e la sottomissione. Come in Satatango, B. Tarr s’ispira a un romanzo di László Krasznahorkai (La resistenza malinconica) che partecipa alla sceneggiatura col regista e altri tre sceneggiatori. (Sono in sette a firmare la fotografia, caso più unico che raro.) L’uso del bianconero e il ricorso ai piani-sequenza sono quelli di sempre, ma la costruzione narrativa è più compatta e dà luogo a sequenze suggestive: l’arrivo notturno del camion; la scena della gente in piazza che in silenzio lo scruta come un evento indecifrabile; l’ingresso di un ragazzo al suo interno; l’assalto all’ospedale con la straziante immagine finale di un vecchio nudo, macilento e atterrito in piedi nella vasca da bagno. Il titolo allude all’organista e teorico musicale tedesco Andreas Werckmeister (1645-1706) che si dedicò alla sistemazione del sistema armonico precedente alla riforma di J.S. Bach.Le Armonie Di Werckmeister (Bela Tarr Hunsubita)_s