PhotobucketUn film di Paul Greengrass. Con Matt Damon, Franka Potente, Brian Cox, Julia Stiles, Karl Urban.Thriller, Ratings: Kids+13, durata 108 min. – USA, Germania 2004.uscita venerdì 24 settembre 2004. MYMONETRO The Bourne Supremacy ***-- valutazione media: 3,46 su 32 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Due anni fa sperava di essersi lasciato alle spalle quel passato che non poteva ricordare, ma che lo perseguitava con misteriose immagini di morte e violenza. Il destino però torna a bussare alla porta di Jason Bourne, killer professionista senza più memoria, quando viene accusato (ingiustamente?) di aver ucciso il premier cinese.

Dopo Bloody Sunday (ripreso dalla celeberrima canzone degli U2), il drama-documentario che racconta della tragedia a Londonderry nel ’72 in cui 13 civili furono ammazzati dai soldati britannici (opera che vinse l’Orso d’Oro a Berlino), Paul Greengrass gira il sequel di The Bourne identity, passato a Locarno due anni fa.
Come in Bloody sunday, Greengrass usa una macchina da presa leggera (hand-cam, probabilmente) che conferisce alle inquadrature un movimento a sbalzi, a scossoni – tipico del reportage – per dare allo spettatore l’illusione che il mezzo cinematografico partecipi agli eventi narrati e non si llimiti a registrarli. Molte location per questo film (da Mosca a Berlino) e, come sempre, tante scene spettacolari, ma l’attenzione non è posta solo sulla messa in scena; c’è un tentaivo (che, purtroppo, resta tale) di un’indagine psicologica del protagonista. La riflessione è sulla perdita (e quindi sull’importanza) della memoria, ma anche su cosa pué accadere quando un uomo si ritrova a dover confrontarsi con il proprio passato e a rimettersi in discussione.
Forse, per una storia come questa e per questo intento, é meglio il testo scritto, il best seller di Robert Ludlum da cui è stato tratto il testo cinematografico.The Bourne Supremacy_s.jpg