Archive for Gennaio, 2016


L Isola nel Sole_s.jpg

Un film di Robert Rossen. Con James Mason, Joan Fontaine, Joan Collins, Dorothy Dandridge. Titolo originale Island in the Sun. Drammatico, Ratings: Kids+16, durata 119 min. – USA 1957.MYMONETRO L’isola nel sole * * 1/2 - - valutazione media: 2,50 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

In un’isola delle Antille gli odi razziali sono particolarmente accentuati. David, il “capo” ideologico dei neri, si innamora di una donna bianca. Maxwell, il più acceso sostenitore della supremazia bianca, nasconde un infamante segreto: nella sua famiglia c’è del sangue nero. Sua figlia teme di dover rinunciare per questo al matrimonio con il figlio del governatore, ma scopre di essere una illegittima e si sposa senza problemi.

Giovanna D Arco - 1948_s.jpg

Un film di Victor Fleming. Con José Ferrer, Ingrid Bergman Titolo originale Joan of Arc. Drammatico, durata 100 min. – USA 1948. MYMONETRO Giovanna d’Arco * * 1/2 - - valutazione media: 2,50 su 4recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Da semplice pastorella analfabeta a condottiera d’un immenso esercito: Giovanna libera la Francia ma il re, temendo che la fama della pulzella minacci il suo trono, la consegna agli inglesi che la processano e la condannano a morte con l’accusa di stregoneria.

Parola di Ladro_s.jpg
Un film di Nanni Loy, Gianni Puccini. Con Gabriele Ferzetti, Abbe Lane, Andrea Checchi, Nadia Gray, Memmo Carotenuto.Commedia, Ratings: Kids+13, b/n durata 98 min. – Italia 1957.MYMONETRO Parola di ladro ***-- valutazione media: 3,00 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

All’inizio del ventesimo secolo un ladro, aiutato da una bella complice, tenta una truffa ai danni d’un gioielliere. Ma costui, avvisato dalla ragazza che si è innamorata di lui, rende al malfattore pan per focaccia e gli offre una possibilità di vita onesta come direttore del suo negozio.

Locandina La figlia di Ryan

La Figlia di Ryan - Parte 1_s.jpg

Un film di David Lean. Con Robert Mitchum, John Mills, Trevor Howard, Sarah Miles, Christopher Jones.  Titolo originale Ryan’s Daughter. Drammatico, durata 176′ min. – Gran Bretagna 1970. MYMONETRO La figlia di Ryan * * * 1/2 - valutazione media: 3,63 su 15 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Irlanda 1916: sposata senza amore a un insegnante, una ragazza ha una relazione con un ufficiale britannico. Turgido melodramma pastorale con conflitti intimistici dilatati su un’abnorme durata (durata originale: 206 minuti). Si direbbe che il regista non sia entrato in sintonia con la sceneggiatura dell’emerito Robert Bolt, pur ricca di scatti, furori e sbalzi d’umori, cedendo alle tentazioni del pompierismo. Ne è sortito un Breve incontro gonfiato con gli estrogeni. Mitchum fuori parte, per giunta. 2 Oscar per la fotografia (F.A. Young) e Mills nella parte di un muto storpio.

Maciste contro Ercole nella Valle dei Guai_s.jpg

Un film di Marco Ferreri. Con Ugo Tognazzi, Michel Piccoli, Marcello Mastroianni, Philippe Noiret, Andréa Ferréol. Titolo originale La grande bouffe. Commedia, durata 132′ min. – Italia, Francia 1973. MYMONETRO La grande abbuffata * * * * - valutazione media: 4,18 su 45 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Quattro amici _ un giudice (Noiret), un pilota di linea (Mastroianni), un ristoratore (Tognazzi), un produttore TV (Piccoli) _ si riuniscono in una villa di Neuilly, fuori Parigi, decisi a compiere un quadruplice harakiri gastronomico-erotico. Li accompagna, pingue angelo della morte, un’insaziabile e materna maestra (Ferréol). Scritto con Rafael Azcona, è probabilmente il più grande successo internazionale (di scandalo) nell’itinerario di Ferreri. Questo apologo iperrealista ha gli scatti di una buffoneria salace e irriverente, i toni furibondi di una predica quaresimalista e, insieme, l’empietà provocatrice di un pamphlet satirico; e chi lo prende per un film rabelaisiano, non ne ha inteso la sacrale tristezza. C’è piuttosto l’umor nero, la mestizia, la disperazione di uno Swift. Con qualcosa in più: la pena. La sua forza traumatica risiede nella calma lucidità dello sguardo, e nell’onestà di un linguaggio che Ferreri conserva anche e soprattutto quando non arretra davanti a nulla. Se si esclude parzialmente Mastroianni, forse il meno riuscito del quartetto, i personaggi non sono mai volgari. Nonostante le apparenze realistiche (di un neorealismo fenomenico e irrazionalistico), sfocia nel clima allucinato di un apologo fantastico come certi segni e invenzioni suggeriscono. Fotografia di Mario Vulpiani, costumi di Gitt Magrini, pietanze di Fauchon (Parigi). Premio Fipresci a Cannes 1973. Distribuito nei paesi di lingua inglese come Blow-out.

Maciste contro Ercole nella Valle dei Guai_s.jpg
Un film di Mario Mattoli. Con Raimondo Vianello, Mario Carotenuto, Carlo Croccolo, Liana Orfei, Bice ValoriCommedia, durata 90 min. – Italia 1962. MYMONETRO Maciste contro Ercole nella valle dei guai **--- valutazione media: 2,00 su 1 recensione.
Per sfuggire ai creditori e al pubblico inferocito per l’ennesima pagliacciata presentata sul ring, l’impresario di lotta libera Raimondo Rusteghin e il suo socio salgono a bordo di una macchina del tempo decisi a raggiungere un futuro migliore. Ma, sbagliando a manovrare i comandi, si ritrovano catapultati nell’antica Grecia, dove, scambiati per maghi, vengono coinvolti, loro malgrado, nella rivalità tra Ercole e Maciste e, quando due ancelle li aiutano a recuperare la macchina del tempo, sono ben felici di tornare nel presente.

Room on the Broom is a 2012 British-German 3D stop motion computer animated short TV film based on the picture book written by Julia Donaldson and illustrated by Axel Scheffler. The film was nominated for the Best Animated Short Film at the 2014 Academy Awards.[2]

Directed by Max Lang and Jan Lachauer, the film was produced by Martin Pope and Michael Rose of Magic Light Pictures, London, in association with Orange Eyes Limited.

It was first seen in theaters with Thor: The Dark World. It was first broadcast on BBC One, Tuesday 25 December 2012.[3] It then aired in theUnited States on PBS Kids Sprout as a Halloween special, on 30 October 2013.

 

Locandina Peccati di gioventù
Peccati di Gioventu_s.jpg
Un film di Silvio Amadio. Con Dagmar Lassander, Gloria Guida, Silvano Tranquilli, Fred Robsham Drammatico, durata 90 min. – Italia 1975. MYMONETRO Peccati di gioventù * * - - - valutazione media: 2,00 su 1 recensione.

Un vedovo medita di risposarsi, ma la figliola adolescente, legata al padre da morboso affetto, non può soffrire la futura matrigna e medita d’inguaiarla. Venuta a conoscenza di un’oscura vicenda saffica nel passato della donna, la stuzzica riuscendo a farla fotografare in pose compromettenti. La donna, sconvolta, fugge e muore.

Locandina Milady - I quattro moschettieri
Milady - I quattro Moschettieri - ita eng subita_s
Un film di Richard Lester. Con Geraldine Chaplin, Oliver Reed, Christopher Lee, Richard Chamberlain, Raquel Welch. Titolo originale The Four Musketeers. Avventura, durata 95 min. – Spagna1975. MYMONETRO Milady – I quattro moschettieri **1/2-- valutazione media: 2,50 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

La famigerata Milady, che fu moglie del moschettiere Athos, va in Inghilterra per uccidere Lord Buckingham su ordine di Richelieu. Ci riesce, poi uccide Costanza, amata da D’Artagnan. Il quale però non glielo perdona. Milady finisce decapitata dal boia.

Photobucket Pictures, Images and Photos

Cruising - ita eng_s.jpg

Un film di William Friedkin. Con Al Pacino, Karen Allen, Paul Sorvino, Don Scardino, Joe Spinell. Drammatico, durata 106′ min. – USA 1980. – VM 18 – MYMONETRO Cruising * * * 1/2 - valutazione media: 3,76 su 17 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Incaricato di travestirsi da omosessuale masochista per individuare uno psicopatico che batte il mondo dei sadomasochisti gay del West Greenwich Village di New York, un poliziotto finirà per domandarsi se sia ancora eterosessuale come all’inizio. Tratto liberamente da un romanzo di Gerald Walker, è un film che sostanzialmente non funziona. Il difetto sta in A. Pacino, che voleva ripetere il colpo di Serpico ma ha avuto paura di distruggere la sua immagine di star con un personaggio troppo negativo, e nella sceneggiatura che, dopo mezz’ora di indubbio impatto descrittivo, si avvita su sé stessa e diventa ripetitiva. Scatenò le ire delle associazioni gay degli USA.

Il Pianeta delle Scimmie 3 - Fuga dal Pianeta delle Scimmie_s.jpg
Un film di Don Taylor. Con Bradford Dillman, Kim Hunter, Ricardo Montalban, Roddy McDowall, Sal Mineo. Titolo originale Escape from the Planet of the Apes. Fantascienza, durata 98 min. – USA 1971. MYMONETRO Fuga dal pianeta delle scimmie ***-- valutazione media: 3,04 su 7 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Il film è il seguito di L’altra faccia del pianeta delle scimmie e prende le mosse dall’esplosione atomica provocata dal comandante Taylor che ha condannato il pianeta alla distruzione. Milo, Zira e Cornelius riescono, tuttavia, a fuggire a bordo di un’astronave, ma l’onda d’urto li sbalza indietro nel tempo facendoli ammarare sulla Terra all’inizio degli anni ’70. La navicella viene recuperata, e le scimmie, dopo numerose peripezie, ottengono ascolto da una commissione d’inchiesta per mettere in guardia l’umanità sui pericoli del nucleare. Sottoposta ad ulteriori esami e sotto l’effetto di un farmaco, Zira rivela quanto il destino ha deciso per il futuro e il dottor Haschlein, nel tentativo di mutare il corso degli eventi, ordina di ucciderla insieme con il compagno. La tragica fine di Zira e Cornelius non servirà, comunque, a cambiare la storia poiché nel circo presso il quale i due avevano trovato rifugio è nato, nel frattempo, il figlio predestinato a guidare la riscossa della loro specie contro il genere umano.

Il terzo episodio della saga ispirata al romanzo di Pierre Boulle capitalizza il successo delle prime due pellicole e, pur tradendo l’artificiosità dell’operazione commerciale, risulta interessante e coraggiosa nella chiave di una lettura socio-politica che denuncia le contraddizioni di una civiltà stordita dal falso benessere del consumismo e svuotata dei valori fondamentali della tolleranza e della democrazia. Paul Dehn (autore anche dello script del precedente film), alle prese con un sequel apparentemente impossibile, se la cava egregiamente riscrivendo e rovesciando l’intreccio del Pianeta delle scimmie, grazie ad un intelligente uso del classico espediente del viaggio nel tempo.La grande professionalità di Roddy McDowall e di Kim Hunter, nuovamente nei ruoli e nelle maschere di Cornelius e Zira, premiano la fiducia dei produttori, ma Sal Mineo crea non pochi problemi (a quanto si dice per l’insofferenza di sottoporsi al trucco) e si vede riscritta e accorciata la parte di Milo fino a diventare una presenza piuttosto marginale.Il romanzo di Pierre Boulle ha ispirato anche:1999: conquista della Terra (1972)Anno 2670: ultimo atto (1973)Planet of the Apes (2001)

L infallibile Pistolero strabico - ita eng_s.jpg
Un film di Burt Kennedy. Con James Garner, Suzanne Pleshette, Chuck Connors, Jack Elam Titolo originale Support your Local Gunfighter. Western, durata 92 min. – USA 1971. MYMONETRO L’infallibile pistolero strabico * * - - - valutazione media: 2,00 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Un piedipiatti dell’Est capita in una cittadina del Kansas sconvolta dalla lotta di due fazioni, vi ristabilisce l’ordine e sposa la figlia del sindaco.

La Rosa tatuata - tvrip low qual_s.jpg
Un film di Daniel Mann. Con Anna Magnani, Burt Lancaster, Marisa Pavan, Ben Cooper, Virginia Grey. Titolo originale The Rose Tattoo. Drammatico, Ratings: Kids+13, b/n durata 109 min. – USA 1955. MYMONETRO La rosa tatuata **1/2-- valutazione media: 2,95 su 11 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Serafina è talmente legata al suo consorte che, quando questi muore, ne custodisce i resti nella propria abitazione, facendo dell’urna che li contiene un oggetto di morbosa venerazione. Venuta poi a conoscenza di un adulterio del marito, Serafina si libera dell’urna e si concede ad Alvaro, strano individuo che le ricorda comunque il marito.

E caduta una donna_s.jpg

Un film di Alfredo Guarini. Con Rossano Brazzi, Isa Miranda, Carlo Tamberlani, Nando Tamberlani, Luigi PaveseDrammatico, Ratings: Kids+13, b/n durata 90 min. – Italia 1941. MYMONETRO È caduta una donna * * - - - valutazione media: 2,00 su 1 recensione.

Una ragazza madre, abbandonata dal seduttore, sposa un giovane medico che, dopo un periodo di serenità, sembra non tollerare il passato di lei. La donna allora, seppur controvoglia, lascia il bambino alla suocera. Al momento del distacco, già pentita, cerca di raggiungerlo ma muore investita da un’auto.

 

Locandina Antropophagus
Antropophagus_s.jpg
Un film di Joe D’Amato. Con Tisa Farrow, Saverio Vallone, Vanessa Steiger, Margaret Donnelly, Mark Bodin.Horror, durata 92 min. – Italia 1980. – VM 18 – MYMONETRO Antropophagus **1/2-- valutazione media: 2,61 su 10 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

In un’isola greca un uomo, diventato cannibale dopo essere rimasto senza viveri in un canotto in compagnia del cadavere della moglie, stermina una comitiva di turisti.

Amore sotti i Tetti - Apartment for Peggy_s.jpg
Un film di George Seaton. Con William Holden, Gene Lockhart, Edmund Gwenn, Jeanne Crain. Titolo originale Apartment for Peggy. Commedia, durata 99 min. – USA 1948. MYMONETROAmore sotto i tetti **--- valutazione media: 2,00 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Due sposini (lui è un reduce della guerra mondiale) non riescono a trovare un tetto. Saranno accolti, fortunatamente, nella casa di un vecchio professore, malato di solitudine. Gli sposini gli ridaranno la gioia dell’esistenza. Lui li nutre, li ristora, li protegge.

Ercole contro i Figli del Sole_s.jpg
Un film di Osvaldo Civirani. Con Giuliano Gemma, Anna Maria Pace, Mark Forrest, Antonio Acqua.Mitologico, durata 88 min. – Italia 1964. MYMONETRO Ercole contro i figli del Sole **---valutazione media: 2,00 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Durante uno dei suoi vagabondaggi, Ercole capita tra gli Incas, salva la figlia del re che sta per essere sacrificata ad un dio crudele e la sposa.

Sabbie rosse_s.jpg
Un film di Raoul Walsh. Con Walter Brennan, John Agar, Virginia Mayo, Kirk Douglas Titolo originale Along the Great Divide. Western, b/n durata 88 min. – USA 1951. MYMONETRO Sabbie rosse * * 1/2 - - valutazione media: 2,75 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Un western vecchio stile. Lo sceriffo salva il vecchio Pop che sta per essere linciato per un omicidio non commesso. Ha tutti contro, specie gli allevatori. Finale trionfo per i buoni.

Photobucket

Un film di Walter Hill. Con Powers Boothe, Fred Ward, Keith Carradine, Brion James, Carlos Brown.Titolo originale Southern Comfort. Drammatico, durata 106 min. – USA 1981. – VM 18 –MYMONETRO I guerrieri della palude silenziosa * * * 1/2 - valutazione media: 3,50 su 15 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Nei primi anni Settanta, nove soldati della guardia nazionale della Louisiana partono per un’esercitazione all’interno di una sterminata palude. Giunti presso un corso d’acqua difficile da superare decidono di appropriarsi di alcune canoe. Gesto che scatena una violenta e improvvisa reazione da parte dei Cajuns, abitanti nascosti di quei luoghi. Dispersi e con poche munizioni, si ritrovano a combattere contro un nemico silenzioso e micidiale.
La pellicola di Walter Hill, per le sue atmosfere tese e per la struttura della storia (un incidente scatena la caccia a un manipolo di uomini costretti alla fuga) ricorda molto da vicino I guerrieri della notte, altro importante film del regista californiano. In una messa in scena impeccabile fin dai titoli di testa, alle splendide immagini di un paesaggio labirintico e opprimente, si sovrappongono le calde sonorità blues della chitarra di Ry Cooder, che accompagna il cammino dei soldati dipinti come reazionari psicotici e violenti.
Attraverso personaggi destabilizzati immersi in una natura diversa e ostile, e dietro la facciata retorica e banale di molti dialoghi, si nasconde un accusatorio e critico ritratto antimilitarista, oltre che un’evidente denuncia di una certa società americana. Abbagliante la risolutiva sequenza finale, capace di elevarsi ad altezze impensabili per il resto del film: un montaggio alternato fra incessanti chitarre, violini e fisarmoniche, danze, maiali squarciati e poi arrostiti. Una magistrale e allucinatoria festa di sangue.

Locandina Quel motel vicino alla palude

Quel Motel vicino alla Palude - 720p_s.jpg

Un film di Tobe Hooper. Con Mel Ferrer, Stuart Whitman, Neville Brand, Marilyn Burns Titolo originale Eaten Alive. Horror, durata 91 min. – USA 1977. MYMONETRO Quel motel vicino alla palude * * 1/2 - - valutazione media: 2,73 su 11 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Judd (Neville Brand), gestore di un motel, è completamente pazzo e alleva un coccodrillo nella palude acquitrinosa accanto all’edificio. Quando arrivano clienti, per un motivo o per l’altro, tenta di farli fuori tutti. Ma il suo coccodrillo non fa sconti nemmeno a lui. Stranissimo secondo film di Hooper dopo il successo di #Vedi#Non aprite quela porta. All’apparenza è un cupo horror di serie B, con grandi parentele con #Vedi#Psyco e #Vedi#Uomini coccodrilo e molti altri film degli anni ’50 e ’60, con una trama banale e lineare. In realtà è qualcosa di più, visto il clima davvero malsano creato dai comportamenti perversi di alcuni ospiti e dai monologhi allucinati del protagonista, un grandissimo ed esagerato Neville Brand che borbotta in continuazione frasi sconnesse e ragionamenti paranoici. Il film è immerso in colori irreali che richiamano, assieme alla trama e ai personaggi schematici ma singolari, i fumetti dell’orrore americani di Gaines (molto più dei due #Vedi#Creepshow e de #Vedi#I racconti dala tomba che a essi direttamente si rifanno). Il cast è curioso, con William Finley (#Vedi#Il fantasma del palcoscenico) in grande evidenza e una gustosa partecipazione di Robert “Freddy Krueger” Englund