Archive for Dicembre, 2015


Locandina Pizza Connection
Pizza Connection
Un film di Damiano Damiani. Con Michele Placido, Simona Cavallari, Mark Chase, Adriana Russo, Tony Sperandeo Drammatico, durata 116 min. – Italia 1985. MYMONETRO Pizza Connection * * 1/2 - -valutazione media: 2,97 su 13 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Mario, un palermitano, killer della mafia emigrato a New York, è incaricato di tornare a casa per eliminare un alto magistrato. Le cose però non andranno come previsto. A casa Mario ritrova il fratello, onesto e buono, che ha bisogno del suo aiuto per liberare dalla prostituzione la ragazza che ama. Mario gli chiede in cambio di lavorare per lui, ma il poveretto non ce la fa e mette nei guai se stesso e il fratello. Apparentemente Mario riesce a sistemare tutto, ma la mafia non perdona e lo uccide a New York, nella sua pizzeria. Un altro film denuncia sulla mafia di Damiani (autore di Il giorno della civetta), anche se meno interessante e più “popolare”. Placido dà una bella prova.

Photobucket

Il.Giorno.Della.Civetta.1968.iTALiAN.AC3.DVDRip.XviD-BV_s.jpg

Un film di Damiano Damiani. Con Claudia Cardinale, Lee J. Cobb, Franco Nero, Serge Reggiani, Ugo D’Alessio.Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 92 min. – Italia 1968. MYMONETRO Il giorno della civetta ***1/2- valutazione media: 3,61 su 16 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Dal libro di Leonardo Sciascia. In un paese siciliano viene ucciso un costruttore edile; la mafia vuol fare passare l’assassinio come delitto d’onore, tanto più che del presunto colpevole non si trova alcuna traccia. Un capitano dei carabinieri cerca le prove per incastrare un potente mafioso, ma trova solo il cadavere di un informatore. Tutto finisce nel nulla.

Locandina italiana Rapunzel - L'Intreccio della Torre
Screener versione 1080p:
Rapunzel - L Intreccio della Torre - Tangled - bdrip 1080p ita eng subita_s.jpg
Screener versione bdrip:
Rapunzel - L Intreccio della Torre - Tangled - bdrip ita eng subita_s.jpg
Un film di Nathan Greno, Byron Howard. Con Mandy Moore, Zachary Levi, Donna Murphy, Ron Perlman, Jeffrey Tambor.Titolo originale Tangled. Animazione, Ratings: Kids, durata 94 min. – USA 2010. – Walt Disney uscita venerdì 26 novembre 2010. MYMONETRO Rapunzel – L’Intreccio della Torre ****- valutazione media: 4,03 su 89 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Rapunzel, non doveva nascere, troppo male stava la madre (Regina) durante le doglie. Fortunatamente però i soldati sguinzagliati dal padre (il Re) in tutto il regno avevano trovato il fiore dai poteri taumaturgici sbocciato da una goccia di sole caduta sulla Terra, e l’infuso con esso realizzato la curò. Nacque così una bambina dalla folta chioma che ereditò i poteri della pianta che l’aveva aiutata a nascere. Quello che i regnanti non sapevano era che il fiore era stato fino a quel momento usato da una donna malvagia, la quale da centinaia d’anni se ne serviva per tornare giovane ad ogni segno d’invecchiamento. Proprio lei, non rassegnata ad invecchiare senza il potere del fiore, rapisce Rapunzel e la chiude in un torre nascosta nel bosco, luogo conosciuto solo a lei, in cui poter evocare indisturbata e ad ogni esigenza, il potere ringiovanente dei capelli della bimba. Il giorno del suo diciottesimo compleanno però Rapunzel deciderà che è ora di smettere di seguire i consigli di quella che crede essere sua madre e di lasciare la torre per andare a vedere il mondo, in compagnia di un ladruncolo casualmente capitato nella sua gabbia dorata.
Tutto il cuore di Rapunzel – L’intreccio della torre (brutto adattamento del molto evocativo titolo originale Tangled ovvero “intrecciata”) potrebbe stare simbolicamente in una delle prime scene in cui vediamo la matrigna della protagonista presentarsi nella torre. Vestita di colori scuri si specchia rimarcando alla figliastra come la sua vicinanza la tenga sempre bella (ma l’abbiamo già vista essere in realtà vecchia e brutta), mentre nel cesto che ha portato tiene delle mele. Il riferimento è chiaro, siamo nell’universo classico delle favole eppure le cose non sono come le ricordavamo.
Lontano dalla storia originale dei fratelli Grimm e molto vicino alla tradizione favolistica moderna inaugurata da Disney stesso (che di adattamenti differenti dagli originali era esperto), Rapunzel presenta infatti tutti i temi e le figure cardine del suo genere, con una ricerca del classico talmente smaccata da non poter non essere voluta. La principessa perduta, la residenza nascosta nel bosco, i numeri musicali corali comici, le scene romantiche nel lago illuminate da piccole luci, i fuochi d’artificio, le spalle comiche, l’eroismo scanzonato e via elencando sono il legame con la tradizione ma la verà novità sono il modo in cui questi elementi sono correlati e le relazioni che li legano.
Rapunzel attende l’uomo ma non perchè la salvi, le serve solo qualcuno che la scorti in un mondo che non conosce. La principessa perduta si salverà come sempre, ma da sola. Tutti gli altri, dalle spalle comiche fino a quello che dovrebbe essere l’eroe, sono aiutanti. Eppure, da vera ragazza moderna, per fare questo non rinuncia alla sua femminilità nè ad un approccio femminile al mondo (che da reclusa è l’unico che conosce). Rapunzel non è un eroe maschiaccio (anzi!) nè aspira a nulla di diverso rispetto alle principesse del passato. È una ragazza che si muove in un universo in cui gli ostacoli che le si frappongono sono prettamente moderni.
A tenere Rapunzel intrappolata nella torre infatti non è un vincolo fisico, potrebbe uscire quando vorrebbe se non fosse tenuta in scacco dalla paura instillatale fin dalla più tenera età dalla matrigna e dal ricatto sentimentale di quella che, fingendosi sua madre, professa un amore sconfinato nei suoi confronti. E proprio qui, nella sincerità e nella forza con cui questo finto amore è mostrato, il film dimostra una maturità superiore alla media. Il rapporto madre/figlia subito da Rapunzel è fondato su un continuo sminuimento, su insulti mascherati da scherzi e sul rinfaccio di un amore solo sbandierato e mai dimostrato, perchè non esiste. Il massimo del male ben mascherato dietro il massimo del bene. Si tratta di dialettiche che al cinema abbiamo visto solo nei migliori e più duri film drammatici e che qui sono perfettamente tradotte per l’universo infantile, senza cioè mai cedere un passo sul piano della godibilità o della leggerezza.
Si vede insomma come a 4 anni dalla fusione Disney/Pixar la seconda abbia cominciato finalmente ad influenzare la prima (alla sceneggiatura c’è uno degli autori di Cars) e non solo nel campo della perizia tecnica. Sebbene infatti il character design della principessa sia talmente azzeccato da consegnarla immediatamente alla storia delle migliori eroine Disney e i movimenti facciali dei personaggi consentano una “recitazione” superiore alla media (si veda la profondità con cui un solo sguardo del servo annuncia alla coppia reale il ritrovamente della figlia perduta), è però l’approccio moderno agli archetipi narrativi e la capacità di svolgerli in un racconto sufficientemente canonico da risultare classico (eppure anche sufficientemente autentico da parlarci dei rapporti familiari moderni) a svelare la longa mano di John Lasseter.

Un film di William Keighley. Con Claude Rains, Errol Flynn, Billy Mauch, Bobby Mauch Titolo originale The Prince and the Pauper. Fantastico, b/n durata 120 min. – USA 1937. MYMONETRO Il principe e il povero [1] * * 1/2 - - valutazione media: 2,75 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Nella fantasiosa vicenda si racconta che il piccolo erede al trono d’Inghilterra incontra un ragazzo poverissimo, suo sosia, col quale scambia i vestiti. A causa di ciò lo sconosciuto sta per essere incoronato al suo posto nonostante le veementi proteste. All’ultimo istante l’autentico principe reduce da pericolose avventure potrà farsi riconoscere.

I Gatti Persiani - CD1_s.jpg

I gatti persiani è un film di Bahman Ghobadi del 2009, con Hamed Behdad, Negar Shaghaghi, Ashkan Koshanejad, Hichkas, Hamed Seyyed Javadi. Prodotto in Iran. Durata: 101 minuti. Distribuito in Italia da Bim Distribuzione a partire dal 16.04.2010.

Trama

Usciti da poco di prigione, una coppia di giovani musicisti iraniani, Negar e Ashkan, decidono di formare una band. Setacciano il mondo underground della Teheran di oggi in cerca di altri musicisti. Siccome suonare in Iran è vietato, progettano di fuggire dalla loro esistenza clandestina e sognano di esibirsi in Europa, ma senza soldi e senza passaporti non sarà facile.

003 - La voce del terrore (1942)_s

L’intellligenza deduttiva del più noto investigatore della letteratura, Sherlock Holmes, si misura contro
criminali geniali e terribili, e insieme al suo fedele assistente Watson deve affrontare intricatissimi casi
ambientati nella misteriosa Londra di fine ‘800. La migliore trasposizione cinematografica è certamente la
serie prodotta dalla 20th Century Fox, poi proseguita dalla Universal, in cui l’acume investigativo di Holems
ha il volto dell’attore inglese Basil Rathbone, accompagnato dall’amico Watson che qui ha il volto di Nigel
Bruce. Tratti dai romanzi più celebri di Sir Arthur Conan Doyle i 14 film presentati in questo imperdibile box
da collezione rappresentano l’intera serie dedicata a Sherlock Holmes.

La raccolta include i seguenti film:

– Il mastino dei Baskerville (The Hound of the Baskerville, 1939) — di Sidney Lanfield, sceneggiato da
Ernest Pascal dal romanzo omonimo del 1901.

– Le avventure di Sherlock Holmes (The Adventures of Sherlock Holmes, 1939) — di Alfred L. Werker,
sceneggiato da Edwin Blum e William Drake partendo dal lavoro teatrale Sherlock Holmes (1899) di William
Gillette.

– La voce del terrore (Sherlock Holmes and the Voice of Terror, 1942) — di John Rawlins, sceneggiato da
Robert Andrews, Lyn Riggs e John Bright partendo dal racconto L’ultimo saluto di Sherlock Holmes (His Last
Bow, 1917).

– L’arma segreta (Sherlock Holmes and the Secret Weapon, 1942) — di Roy William Neill, sceneggiato da
Edward T. Lowe, W. Scott Darling e Edmund L. Hartmann partendo dal racconto L’avventura degli omini
danzanti (The Adventure of the Dancing Men, 1903).

– Sherlock Holmes di fronte alla morte (Sherlock Holmes Faces Death, 1943) — di Roy William Neill,
sceneggiato da Bertram Millhauser partendo da elementi di Il cerimoniale dei Musgrave (The Adventure of
the Musgrave Ritual, 1893).

– Sherlock Holmes a Washington (Sherlock Holmes in Washington, 1943) — di Roy William Neill,
sceneggiato da Bertram Millhauser e Lynn Riggs.

– La donna ragno (The Spider Woman, 1944) — di Roy William Neill, sceneggiato da Bertram Millhauser
partendo dal romanzo Il segno dei quattro (The Sign of the Four, 1890) ma anche di altri racconti.

– L’artiglio scarlatto (The Scarlet Claw, 1944) — di Roy William Neill, sceneggiato da Edmund L. Hartmann
da una storia di Paul Gangelin e Brenda Weisberg.

– La perla della morte (The Pearl of Death, 1944) — di Roy William Neill, sceneggiato da Bertram Millhauser
rifacendosi liberamente al racconto L’avventura dei sei napoleoni (The Adventure of the Six Napoleons,
1904)

– La casa del terrore (The House of Fear, 1945) — di Roy William Neill, sceneggiato da Roy Chanslor
partendo dal racconto Cinque semi d’arancio (The Adventure of the Five Orange Pips, 1891).

– La donna in verde (The Woman in Green, 1945) — di Roy William Neill, sceneggiato da Bertram Millhauser
partendo da alcuni elementi di Il problema finale (The Final Problem, 1893) e L’avventura della casa vuota
(The Adventure of the Empty House, 1903).

– Destinazione Algeri (Pursuit to Algiers, 1945) — di Roy William Neill, sceneggiato da Leonard Lee.

– Il mistero del carillon (Dressed to Kill, 1945) — di Roy William Neill, sceneggiato da Frank Gruber e
Leonard Lee.

– Terrore nella notte (Terror by Night, 1946) — di Roy William Neill, sceneggiato da Frank Gruber partendo
liberamente da elementi de La scomparsa di Lady Francis Carfax (The Disappearance of Lady Frances
Carfax, 1911) e L’avventura del carbonchio azzurro (The Adventure of the Blue Carbuncle, 1892).

Locandina La signora scompare
Un film di Alfred Hitchcock. Con Paul Lukas, Michael Redgrave, Margaret Lockwood, Dame May Whitty.Titolo originale The Lady Vanishes. Spionaggio, b/n durata 97 min. – Gran Bretagna1938. MYMONETRO La signora scompare ***-- valutazione media: 3,45 su 9 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Durante un viaggio in treno dai Balcani verso Londra, Iris Henderson (Margaret Lockwood), una giovane inglese, si mette alla ricerca di un’anziana signora, Miss Froy, conosciuta durante il viaggio e poi misteriosamente scomparsa. Tutti i passeggeri, così come il personale di bordo, negano di averla mai vista, e cercano di convincere la ragazza che si tratta di un frutto della sua immaginazione. Sempre più allarmata, Iris si imbatte in Gilbert Redman (Michael Redgrave), un giovane studioso di musiche popolari con il quale la sera precedente aveva avuto un vivace battibecco, che però cerca di aiutarla. Le indagini alla fine aiuteranno a svelare il mistero: il treno è pieno di spie, e Miss Froy, che è un agente segreto, è stata catturata, e alla fine tutti i passeggeri si ritroveranno a Scotland Yard. Questa commedia nera costituisce l’unico caso in cui Hitchcock prestò esplicitamente la sua attenzione alla politica che, nel periodo, attanagliava l’Europa a causa dall’insorgenza del nazismo. E’ infatti uno dei suoi rari film situati in un preciso contesto storico, l’immediato anteguerra pieno di minacce e ambiguità. Schierato su posizioni interventiste, Hitchcock approfitta degli ostacoli che l’eroina incontra e che nutrono la suspense del film, per denunciare l’indifferenza e l’egoismo delle scelte politiche inglesi.
Morgan Il Pirata_s.jpg
Un film di Primo Zeglio. Con Steve Reeves, Lydia Alfonsi, Valérie Lagrange, Chelo Alonso.Avventura, durata 91 min. – Italia 1970. MYMONETRO Morgan il pirata **--- valutazione media:2,00 su 1 recensione.

Comprato come schiavo dalla figlia del governatore di Panama, Henry Morgan riesce ad impadronirsi della nave che lo trasporta e ad espugnare la città.

Photobucket Pictures, Images and Photos

Il_T_zio_della_Vita_-_satrip_ita_s

Un film di Douglas Sirk. Con Rock Hudson, Robert Stack, Dorothy Malone Titolo originale The Tarnished Angels. Drammatico, Ratings: Kids+13, b/n durata 91′ min. – USA 1958. MYMONETRO Il trapezio della vita * * * * - valutazione media: 4,00 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

New Orleans durante la Depressione: giornalista fa amicizia con ex asso dell’Aviazione, che si guadagna da vivere facendo pericolose acrobazie col suo vecchio aereo. Ispirato a Oggi si vola (1935) di William Faulkner che lo considerava il miglior film tratto dai suoi romanzi. In un malinconico bianconero, è una storia impregnata di cupo pessimismo. Straordinaria rievocazione di New Orleans negli anni ’30 e dell’orgiastica festa del Martedì Grasso che fa da contrappunto al mondo disperato dei professionisti del pericolo. “È al tempo stesso una reazione ‘europea’ all’edonismo dei ruggenti anni ’20 e una risposta culturale al falso romanticismo delle soap opera” (A. Castellano).

Sabotaggio_-_Cd1_s.jpg

Un film di Alfred Hitchcock. Con Sylvia Sidney, John Loder, Oscar Homolka, Desmond Tester. Titolo originale Sabotage. Spionaggio, b/n durata 76 min. – Gran Bretagna 1936. MYMONETRO Sabotaggio * * * 1/2 - valutazione media: 3,50 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Lo spione di turno è il proprietario di un cinema londinese. Ottima libera trasposizione de L’agente segreto di Conrad, girata da Hitchcock in patria prima del trasferimento a Hollywood.

Fargo.jpg

Fargo.2x01_s.jpg

Fargo è una serie televisiva statunitense trasmessa dal 15 aprile 2014 dalla rete via cavo FX.

La serie antologica, pensata per narrare una storia diversa in ogni stagione, trae ispirazione dal film del 1996 Fargo, dei fratelli Coen, i quali figurano tra i produttori esecutivi della serie stessa.

Ai Premi Emmy 2014 la prima stagione è stata giudicata miglior miniserie televisiva; vincendo anche il premio alla miglior regia e al miglior casting per un film, miniserie o speciale drammatico; anche ai Golden Globe 2015 è stata premiata come miglior miniserie e Billy Bob Thornton è stato riconosciuto miglior attore protagonista in una miniserie o film per la televisione.

La seconda stagione è ambientata non lontano dalle cittadine della prima, nei dintorni di Luverne, nel 1979, e include anche le vicende dell'”incidente diSioux Falls“, menzionato durante la stagione precedente.

Protagonista è la famiglia mafiosa dei Gerhardt, il cui boss, colpito da un ictus, è costretto a lasciare la guida degli affari alla moglie Floyd, mentre il figlio minore Rye, cercando di raccogliere approvazioni nella famiglia, uccide tre persone durante un maldestro tentativo di estorsione. Rye rimane poi vittima di un incidente stradale, venendo investito da Peggy Blumquist, che occulta il corpo ferito, poi ucciso dal marito Ed. Ad indagare sugli intricati avvenimenti sono il giovane agente della polizia di stato Lou Solverson e lo sceriffo Hank Larsson, mentre la mafia di Kansas City vuole espandersi nella zona acquisendo le attività dei Gerhardt.

Titolo originale Titolo italiano Prima TV USA Prima TV Italia
1 Waiting for Dutch 12 ottobre 2015 22 dicembre 2015
2 Before the Law 19 ottobre 2015 22 dicembre 2015
3 The Myth of Sisyphus 26 ottobre 2015 29 dicembre 2015
4 Fear and Trembling 2 novembre 2015 29 dicembre 2015
5 The Gift of the Magi 9 novembre 2015 5 gennaio 2016
6 Rhinoceros 15 novembre 2015 5 gennaio 2016
7 Did You Do This? No, You Did It! 23 novembre 2015
8 Loplop 30 novembre 2015
9 The Castle 7 dicembre 2015
10 Palindrome 14 dicembre 2015
Un film di Gene Kelly. Con Sue Ann Langdon, Claire Kelly, Inger Stevens, Robert Morse.Titolo originale A Guide for the Married Man. Commedia, durata 89 min. – USA 1967. MYMONETRO Una guida per l’uomo sposato **1/2-- valutazione media: 2,50 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Un uomo non più giovanissimo, felicemente sposato, è indotto da un amico a cercare avventure extra coniugali. Dando retta ai suoi consigli l’uomo sta per mettere in atto il proposito. All’ultimo momento però il pensiero della moglie che adora lo convince a rinunciare.

Gli Scassinatori_s
Un film di Henri Verneuil. Con Jean-Paul Belmondo, Dyan Cannon, Robert Hossein, José Louis De Villalonga.Titolo originale La casse. Poliziesco, durata 127 min. – Francia 1971. MYMONETROGli scassinatori **1/2-- valutazione media: 2,50 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Un corrotto poliziotto greco dà la caccia a una banda di ladri con lo scopo d’impossessarsi del loro bottino. Dopo alcune sconfitte uno dei fuorilegge riuscirà ad eliminarlo, ma i diamanti per cui sono morti tanti uomini andranno perduti. Un cast pieno di divi.

Locandina Mrs. Doubtfire (Mammo per sempre)
Mrs.Doubtfire_s.jpg
Un film di Chris Columbus. Con Robin Williams, Sally Field, Robert Prosky, Pierce Brosnan, Matthew Lawrence.

continua»

Titolo originale Mrs. Doubtfire. Commedia, Ratings: Kids+13, durata 120 min. – USA 1993. MYMONETRO Mrs. Doubtfire (Mammo per sempre) * * * - - valutazione media: 3,23 su 22 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Daniel, uomo dalle mille voci e doppiatore di cartoni animati, ha divorziato da poco. I tre figli sono stati affidati alla moglie che gli impedisce di vederli. Aiutato da un amico e dal fratello si traveste da anziana baby-sitter. Columbus (Mamma ho perso l’aereo) si conferma regista dal successo facile.

Locandina italiana Brubaker
Brubaker_s.jpg
Un film di Stuart Rosenberg. Con Robert Redford, Yaphet Kotto, Jane Alexander (I), Morgan Freeman, David Harris.Drammatico, durata 132 min. – USA 1980. MYMONETRO Brubaker ***-- valutazione media: 3,31 su 12 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Robert Redford è il direttore di un carcere. Bel carcere: è in mano a un gruppo di galeotti privilegiati che taglieggiano gli altri. Gli impiegati rubano, i secondini, poi, sono emeriti assassini. Redford scopre le tracce di almeno duecento omicidi commessi all’interno della prigione. Ma non riesce a farla pagare ai responsabili. Il senatore dello Stato l’ha preso in antipatia, chiede e ottiene le sue dimissioni. Buon film drammatico, con un Redford in forma e una schiera di caratteristi eccezionali.

Locandina Una notte sui tetti
Una Notte sui Tetti_s.jpg
Un film di David Miller. Con Marilyn Monroe, Raymond Burr, Groucho Marx, Ilona Massey, Chico Marx.Titolo originale Love Happy. Comico, b/n durata 90 min. – USA 1949. MYMONETRO Una notte sui tetti **1/2-- valutazione media: 2,75 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Harpo ruba una scatola di sardine in cui è nascosta la favolosa collana dei Romanoff e, senza conoscerne il prezioso contenuto, la porta dai suoi amici, attori di varietà in miseria che stanno preparando una rivista. Groucho è l’investigatore incaricato di recuperare il gioiello, ma una banda di avventurieri cerca d’impedirglielo. Tra gli altri attori appaiono Raymond Burr, il futuro Perry Mason, e Marilyn Monroe che, ancora sconosciuta, s’accontenta d’una particina minuscola.

Ancora saggi:

AkiraKurosawa-ComposingMovement.mp4 – 105.0 MB
Breaking The Rules – The French New Wave.mp4 – 163.2 MB
BRIAN DE PALMA AND THE SPLIT DIOPTER SHOT.mp4 – 4.8 MB
BusterKeaton-TheArtoftheGag.mp4 – 119.8 MB
EdgarWright-HowtoDoVisualComedy.mp4 – 84.1 MB
EditingAsPunctuationInFilm.mp4 – 197.7 MB
EditingAsPunctuationInFilm.rtf – 43 KB
JLGodard_Breathless_HowWorldWarIIChangedCinema.mp4 – 126.2 MB
MartinScorsese-TheArtofSilence.mp4 – 69.2 MB
The Art of Editing inTheGoodtheBadandtheUgly.mp4 – 178.4 MB
The Bad Sleep Well (1960) – The Geometry of a Scene.mp4 – 36.1 MB
The Silence of the Lambs – Who Wins the Scene – 37.2 MB
Yasujirô Ozu – The Depth of Simplicity.mp4 – 158.9 MB

Locandina italiana Demoni e dei

Demoni_e_Dei_s.jpg

Un film di Bill Condon. Con Brendan Fraser, Lynn Redgrave, Lolita Davidovich, David Dukes, Ian McKellen.Titolo originale Gods and Monsters. Biografico, durata 105 min. – USA, Gran Bretagna1998. MYMONETRO Demoni e dei * * 1/2 - - valutazione media: 2,94 su 9 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Tratto dal romanzo Father of Frankenstein di Christopher Bram, il film racconta gli ultimi giorni di James Whale, il regista inglese suicidatosi nel 1957 e autore del primo Frankenstein cinematografico. Ci vengono mostrati i suoi incubi e le sue gioie (i demoni e gli dei). Grazie alle prestazioni degli interpreti il film sfugge alle tentazioni della biografia filmata. Anche perché realtà e finzione sono abilmente mescolate e l’impianto un po’ teatrale non infastidisce più di tanto.

Locandina Uno sconosciuto alla porta

Uno_Sconosciuto_alla_Porta_s.jpg

Un film di John Schlesinger. Con Matthew Modine, Melanie Griffith, Michael Keaton, Mako, Nicholas Pryor.Titolo originale Pacific Heights. Thriller, durata 103 min. – USA 1990. MYMONETROUno sconosciuto alla porta * * * - - valutazione media: 3,13 su 8 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Ritorno al cinema thriller dai tempi de Il maratoneta per il regista inglese ormai naturalizzato americano. Il film è un chiaro omaggio ad Alfred Hitchock. Una giovane coppia non sposata compra un vecchio palazzo con tre appartamenti ma fa l’errore di affittarne uno allo psicopatico di turno. Tenteranno di sfrattarlo ma la legge di San Francisco lo protegge a oltranza. Dovranno ricorrere a un avvocato e a un processo ma la cosa non è semplice e il terrore è appena cominciato. Costruito con grande perizia tecnica e di sceneggiatura il film può essere considerato un buon lavoro. Michael Keaton è un grande psicopatico; con luci e ombre anche la Griffith e Modine sono all’altezza. Appare anche Schlesinger in un ascensore, come era solito fare Hitchcock.

Alias - 1x01 - La verita_s

Alias è una serie televisiva statunitense prodotta dal 2001 al 2006.

Creata da J.J. Abrams (futuro ideatore di Lost e Fringe), la serie miscela spionaggio e fantascienza. Alias è stata trasmessa in prima visionenegli Stati Uniti dal 2001 da ABC, mentre in Italia è stata trasmessa in chiaro da Rai 2 e sul satellite da Fox.

Nel corso degli anni ha ricevuto numerosi riconoscimenti e nomination ai Golden Globe, agli Emmy Awards, agli Screen Actors Guild Award e ai People’s Choice Awards. Nel 2003 l’American Film Institute ha inserito Alias nella top 10 delle migliori serie televisive dell’anno[1], e in seguito diverse testate l’hanno proclamata uno dei miglior show televisivi di tutti i tempi[2]. Nel 2010 il canale satellitare E! ha classificato Aliasal quarto posto nella top 20 delle migliori serie televisive del ventennio 19902010[3].

Stagione Episodi Prima TV originale Prima TV Italia
Prima stagione 22 20012002 2003
Seconda stagione 22 20022003 2003
Terza stagione 22 20032004 2004
Quarta stagione 22 2005 2005
Quinta stagione 17 20052006 2006